Arrestato spacciatore di eroina

POZZALLO 25 Novembre 2009 – Nel primo pomeriggio di ieri i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Modica al comando DEL Cap. Alessandro Loddo, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Modica, hanno arrestato Giovanni Biazzo, 21enne pregiudicato pozzallese con precedenti specifici inerenti le sostanze stupefacenti.
Il giovane si era reso protagonista nei mesi scorsi di una intensa attività di spaccio di sostanze stupefacenti sul territorio di Pozzallo culminata, nel corso dell’estate,  in 2 tragici episodi di overdose. Infatti, due giovani tossicodipendenti modicani, a seguito dell’utilizzo di eroina “tagliata” male acquistata a Pozzallo, sono finiti nel Reparto di Rianimazione dell’Ospedale Maggiore di Modica dove, in stato comatoso, hanno combattuto contro la morte per diversi giorni. Proprio questi gravissimi episodi hanno spinto i Carabinieri della Compagnia di Modica ad intensificare al massimo la già profonda azione di contrasto al mercato degli stupefacenti. La susseguente attività d’indagine scaturita dalla massimizzazione di tali sforzi è finalmente culminata oggi nell’arresto del giovane Biazzo.
Dopo le formalità di rito, il 21enne pregiudicato è stato associato presso la Casa Circondariale di Modica Alta.
L’ennesima risposta che i militari dell’Arma modicana hanno dato all’ “allarme eroina”, lanciato a Pozzallo dalla stampa locale nei mesi estivi, altro non testimonia che la profonda sensibilità verso le problematiche del territorio da parte dell’Arma dei carabinieri e del rigore con il quale la benemerita quotidianamente opera per garantire un adeguato livello di sicurezza per la popolazione locale.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.