Ragusa: operazione Jet Lag, confermati gli arresti

RAGUSA 08 Gennaio 2010 – I militari del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Ragusa, durante la mattinata, hanno eseguito sei provvedimenti cautelari, cinque in carcere ed uno ai domiciliari, nei confronti di altrettante persone in esecuzione di un ordine di custodia cautelare emesso dal Gip del Tribunale di Ragusa, dottor Saito, che accoglie la richiesta della Procura della Repubblica di Ragusa. I sei indagati, Giovanni Cabibbo (ai domiciliari), Francesco Daniele Cacciaguerra, Giancarlo Di Natale, SalvatorePilato, Angelo Claudio Scollo e Giovanni Vespertino, erano stati già sottoposti a misure cautelari durante l’operazione denominata “Jet Lag” nel novembre scorso, ma hanno inteso proporre ricorso al tribunale del riesame di Catania che, pur confermando le misure cautelari emesse in un primo momento, aveva dichiarato l’incompetenza dello stesso Gip etneo trasmettendo gli atti per competenza alla Procura di Ragusa. L’impianto accusatorio degli inquirenti ha retto, pertanto il Gip. di Ragusa ha inteso emettere delle “nuove” ordinanze che confermano le misure cautelari precedentemente adottate. Le accuse riguardano i reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e, per alcuni, l’aggravante dell’associazione per delinquere finalizzata al compimento di tali reati. Le indagini compiute dai militari hanno appurato l’esistenza di una vero e proprio traffico di droga proveniente dal Brasile e dalla Colombia, destinato al consumo nella Sicilia sud-orientale.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.