Siracusa: arrestato addetto alla portineria della Provincia regionale

SIRACUSA 11 Marzo 2010 – Questa mattina agenti della Digos della Questura di Siracusa diretti dal dirigente dott. Vincenzo Frontera, al termine di una complessa indagine di polizia giudiziaria dirette e coordinata dal questore dott. Domenico Percolla e dalla Procura della Repubblica di Siracusa, hanno eseguito una misura cautelare degli arresti domiciliari a carico di Sebastiano Garofalo, di 54 anni, residente in Siracusa, agente della Polizia provinciale di Siracusa (addetto alla portineria) per il reato di falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale. in atti pubblici. L’odierno arresto si innesta in una più ampia operazione che ha già consentito l’arresto di un altro soggetto nel febbraio scorso.
Il Garofalo attestava, falsamente, previa vidimazione dei cartellini segnatempo, la presenza sul posto di lavoro di numerosi dipendenti della Provincia Regionale di Siracusa.
Nel corso di numerosi servizi di pedinamento e monitoraggio, eseguiti anche con l’ausilio di strumenti tecnici (videoriprese), sono emersi con evidenza gravi e reiterate irregolarità nella gestione dei cartellini in argomento, come già si è avuto modo di evidenziare con l’arresto di Francesco Garofalo, cugino dell’odierno arrestato, avvenuto nel febbraio scorso. Quest’ultimo, infatti, venne colto, nella flagranza di reato di truffa aggravata continuata ai danni dell’Ente Provincia e di ricettazione. Quest’ultimo, durante l’orario di lavoro, veniva sorpreso a girovagare per la città a bordo della propria autovettura, sulla quale venivano trovati vari oggetti di oreficeria rubati.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.