Palermo: confiscati beni del prestanome del boss Provenzano

PALERMO 14 Agosto 2010 – Ammonta a circa 800 milioni il valore dei beni confiscati a Michele Aiello, un imprenditore siciliano che sta scontando una condanna a 15 anni e mezzo di carcere per i suoi legami con Cosa Nostra e in particolare con il boss Bernardo Provenzano. I Carabinieri di Palermo, su richiesta del tribunale del capoluogo, hanno sequestrato 3 cliniche, 4 imprese sanitarie, 8 società edili, stabilimenti industriali, appartamenti, ville,terreni, imbarcazioni e conti correnti. I circa 400 lavoratori delle strutture sequestrate continueranno a lavorare in regime di amministrazione giudiziaria.
“Uno straordinario passo avanti e un salto qualitativo della lotta dello Stato alle organizzazioni mafiose”:così il Presidente del Senato, Schifani, definisce la confisca di beni all’imprenditore Michele Aiello. Per il ministro della Giustizia Alfano è segno di”uno Stato deciso a eliminare ogni tipo di associazione mafiosa”, “un altro tassello del puzzle contro le mafie”.
Il ministro della Difesa La Russa: la confisca è “uno dei tanti fiori all’ occhiello della sinora vittoriosa lotta alla mafia. Ma bisogna insistere”.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.