29° Anniversario della morte del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa

PALERMO 03 Settembre 2011 – Si è ricordato oggi, a Palermo, il 29esimo anniversario dell’eccidio mafioso in cui persero la vita il Prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, la moglie Emanuela Setti Carraro e l’agente di scorta Domenico Russo. Il 3 settembre 1982 la guerra che la Mafia aveva dichiarato allo Stato segnò uno dei momenti più tragici. L’automobile su cui viaggiavano Dalla Chiesa e la moglie venne affiancata da due motociclette e un’auto, i cui occupanti aprirono il fuoco a colpi di kalashnikov uccidendoli entrambi. L’agente Russo, che li seguiva di scorta a bordo di un’alfetta, attinto anch’egli da una raffica di colpi, morì dopo 13 giorni di agonia all’Ospedale di Palermo. Sotto una pioggia di piombo cadde un simbolo delle Istituzioni.

Il Generale Dalla Chiesa, nei cento giorni da Prefetto di Palermo, riuscì a scuotere gli animi della gente comune, incontrando gli studenti nei licei, gli operai nei cantieri e la gente per le strade: riuscì a diventare simbolo di legalità e speranza.

Alla cerimonia di deposizione della Corona d’alloro, avvenuta nella mattinata in via Isidoro Carini, luogo della strage, oltre a numerose autorità militari e civili, ha partecipato in rappresentanza del Governo il Sottosegretario all’Interno On. Alfredo Mantovano. La commemorazione si è conclusa con la celebrazione della Santa Messa presso la chiesa di S.Giacomo dei Militari, all’interno del Comando Legione Carabinieri “Sicilia”.

 

( www.carabinieri.it )

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.