Libia. Ferma condanna dell’ONU per l’aumento delle violenze nel Sud.

Tripoli, 19 ottobre 2018 – L’UNSMIL ha espresso ferma condanna per il deterioramento della situazione della sicurezza nel sud della Libia e, in una dichiarazione ha invitato le autorità libiche a intraprendere un’azione tempestiva ed efficace contro l’illegalità che inghiotte la regione.

“La Missione condanna le violazioni perpetrate da gruppi armati stranieri sul territorio libico e incoraggia gli attori regionali a sostenere le autorità nazionali nell’affrontare la situazione in modo rispettoso della sovranità e dell’integrità territoriale della Libia”, si legge nel comunicato.

Le Nazioni Unite si mostrano profondamente preoccupate per l’aumento della criminalità, in particolare per la recente ondata di rapimenti e gli episodi di vandalismo inflitti alle infrastrutture del Great Man-Made River.

“Montare l’illegalità ha esacerbato la già carente fornitura di servizi nel Sud, con conseguente grave privazione dei suoi residenti – si legge nella dichiarazione –  e le Nazioni Unite continueranno a collaborare con le autorità locali per fornire assistenza umanitaria ove necessario e sollecitando il governo di accordo nazionale a intensificare la fornitura di servizi nella regione”.