UN won’t accept a military solution in Libya. But war continues…

Fayez al Serraj

Roma, 6 Aprile 2019 – Diplomats at work in an attempt to stop the new civil war in Libya. Fayez al Serraj, Prime Minister of the Libyan National Accord Government (GNA) in a speech a few moments ago addressed the Libyan people talking about the efforts made for the reconstruction of Libya after the gaddafi and accused the Field Marshal Khalifa Haftar of treason. “This is a war that will have no winners,” Serraj said.

And some minutes ago, US Deputy Sec. of State Sullivan has expressed more than concern on Libya: “We are urging that the parties stand down. An incursion into Tripoli would be an exceedingly bad and dangerous move.”

The Tripoli government called on the French ambassador to protest against Paris’s support for Haftar.

This morning, the President of the Council, Giuseppe Conte, had a telephone conversation this morning with UN Secretary General Antonio Guterres.

President Giuseppe Conte



President Conte expressed his concern about the latest developments in Libya, a concern strongly shared by Guterres whorecently left the Libyan country after several meetings, including the one with Haftar.
The President Conte reiterated Italy’s strong support for the United Nations-led political transition process, considered the most effective and sustainable way to achieve the final pacification and stabilization of the country for the benefit of the entire Libyan people.

The President Conte and the Secretary General Guterres will remain in close connection in the coming days. The resumption of an effective dialogue between the parties remains the goal shared by the international community, which already in various formats – as last time in the declaration of the G7 Foreign Ministers – expressed itself in this sense.

Continua a leggere UN won’t accept a military solution in Libya. But war continues…
Annunci

Dall’intesa per la pace alla guerra. libia senza tregua.

Il comandante libico orientale Khalifa Haftar ha ordinato alle sue truppe di marciare sulla capitale Tripoli, portando il suo conflitto con il governo internazionalmente riconosciuto a un nuovo livello pericoloso.
Il segretario generale U.N. Antonio Guterres, che è a Tripoli cercando di spingere un accordo di pace internazionale, ha chiesto moderazione. Alla domanda sulla dichiarazione di Haftar, ha detto che la Libia aveva bisogno di una soluzione politica non militare.

Haftar ha dato il suo ordine in un video pubblicato online ore dopo che le sue forze hanno preso il pieno controllo di Gharyan, una città a circa 100 km (60 miglia) a sud della capitale.

Continua a leggere Dall’intesa per la pace alla guerra. libia senza tregua.

Libia. Training Gender Compartecipato, diploma per 64 corsisti libici

Chiusura, la mattina del 30 novembre a La Maddalena, del primo corso di “Training Gender Compartecipato”, organizzato dal Comando della missione europea EUNAVFORMED – Sophia, a favore del personale libico appartenente alla Guardia Costiera e alla Marina Militare.

La giornata di oggi ha rappresentato “un tassello importante per dimostrare l’attività che l’Italia svolge per la stabilizzazione della Libia perché la Guardia Costiera e la Marina Militare libica sono strumenti attraverso i quali raggiungere questo obiettivo, perché rafforzare le istituzioni della Libia è un modo per arrivare alla pacificazione dell’area”.

Al termine del Corso sono stati consegnati i diplomi ai 64 corsisti libici che porta, per la fine di quest’anno ad un addestramento di oltre 300 militari della Guardia Costiera e della Marina libica durante l’ Operazione EUNAVFOR MED.

Continua a leggere Libia. Training Gender Compartecipato, diploma per 64 corsisti libici

Fiumicino. Concerto della Banda dell’Arma dei Carabinieri conquista i passeggeri

A FIUMICINO IL CONCERTO DI NATALE DELLA BANDA MUSICALE DELL’ARMA DEI CARABINIERI CONQUISTA I PASSEGGERI DELLO SCALO

Al Terminal 3, nell’area dedicata ai voli internazionali, brani di musica lirica e le colonne sonore più famose accompagnano i passeggeri in partenza


Torna a Fiumicino il tradizionale appuntamento  natalizio con i concerti eseguiti dalle Forze dell’ Ordine presenti nello scalo. Quest’anno i 90 orchestrali dell’Arma dei Carabinieri, nota in tutto il mondo per la varietà del suo repertorio, hanno eseguito brani di musica classica e trascrizioni del repertorio moderno. La Gazza Ladra di Gioachino Rossini ha segnato l’apertura delle esecuzioni, proseguite con brani dedicati al maestro Ennio Morricone, alla tradizione del Natale con Jingle Bells,  alla romanità con Arrivederci Roma, e concluse dall’Inno Nazionale Italiano.

ll successo suscitato è stato travolgente. I passeggeri sono stati coinvolti dall’atmosfera creata nell’insolito palcoscenico e conquistati dal fascino della splendida uniforme dell’Arma.

Continua a leggere Fiumicino. Concerto della Banda dell’Arma dei Carabinieri conquista i passeggeri

Afghanistan: addestramento di scorta per i militari afgani

Sessione di addestramento scorta e tutela a favore del personale dell’Afghan Nation Army con i militari del Contingente Italiano della missione in Afghanistan.

Nei giorni scorsi presso la sede del Train Advise and Assist Command West (TAAC-W) di Herat, comando multinazionale a guida italiana su base Brigata Pinerolo della Missione NATO Resolute Support (RS), si è conclusa una sessione addestrativa a favore dei militari con funzioni di scorta personale close protection team del Comandante del 207° Corpo dell’Afghan National Army.

La sessione addestrativa, durata circa quindici giorni ed improntata alla condotta di attività teoriche e pratiche, ha consentito ai militari designati in qualità di scorta personale del Comandante del 207° Corpo dell’Afghan National Army di confrontarsi con i colleghi del Contingente Italiano attraverso la condivisione di tecniche e procedure che hanno consentito loro di affinare le proprie capacità professionali. La sessione si è conclusa con una esercitazione pratica che ha visto i militari  dell’Afghan National Army impegnati nella gestione di un evento complesso realizzato su uno scenario reale.

Continua a leggere Afghanistan: addestramento di scorta per i militari afgani

Cerimonia di presentazione del Calendario Storico e dell’Agenda Storica 2019 dell’Arma dei Carabinieri

Roma, 29 novembre 2018 – Questa mattina, a Roma, nella prestigiosa cornice della Scuola Ufficiali Carabinieri, alla presenza del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, del Sottosegretario al Ministero della Difesa Angelo Tofalo e del Comandante Generale dell’Arma Giovanni Nistri, si è svolta la cerimonia di presentazione del Calendario Storico e dell’Agenda Storica 2019 dell’Arma dei Carabinieri.

Continua a leggere Cerimonia di presentazione del Calendario Storico e dell’Agenda Storica 2019 dell’Arma dei Carabinieri

Marina Militare e Guardia di Finanza controllano sospetta nave madre

Nave Carabiniere ha cooperato con la Guardia di Finanza in un’attività di controllo su sospetta “nave madre” L’unità della Marina Militare prosegue l’Operazione Mare Sicuro garantendo la costante presenza, sorveglianza e deterrenza nel Mediterraneo Centrale.

Nei giorni scorsi, nave Carabiniere – impegnata nell’operazione Mare Sicuro, nelle acque del Mediterraneo Centrale in qualità di flagship del Comando Tattico del dispositivo – ha condotto congiuntamente ad una motovedetta della Guardia di Finanza un’operazione di law enforcement su un motopesca di presunta bandiera libica, sospettato di aver rilasciato due natanti alla deriva con circa 80 migranti a bordo nelle vicinanze dell’isola di Lampedusa.

Continua a leggere Marina Militare e Guardia di Finanza controllano sospetta nave madre

Tripoli e la guerra da fermare

Intanto che il portavoce di Haftar continua a parlare di terroristi a Tripoli sostenendo che la città costiera sia “ostaggio” dell’ISIS, e mentre le fake news gestite dall’LNA si moltiplicano, la Capitale della Libia prosegue la propria quotidianità di una domenica densa di preoccupazione. 

Il ministero della Salute del governo di unità nazionale (GNA) ha reso noto che almeno 21 persone sono morte e altre 27 sono rimaste ferite oggi negli scontri tra l’esercito nazionale libico e i militari che fanno capo dal generale Khalifa Haftar, nelle periferie di Tripoli.

Il comunicato diffuso su Facebook parla di “21 morti e 27 feriti”. Tra i civili si parla di 4 morti.

Ma la guerra non è entrata a Tripoli e le forze dell’LNA stanno perdendo terreno.

Wattiya Airbase

Una ultim’ora dice che la Libya Air Force ha bombardato la base aerea di Wattiya vicino al confine con la Tunisia per essere utilizzata da collaboratori con gli invasori orientali (LNA) per attaccare aerei sul campo Naqliya lungo la strada verso l’aeroporto (Airport Road), nonostante le precedenti promesse da parte di LNA di mantenere la base aerea lontana dai combattimenti.

Continua a leggere Tripoli e la guerra da fermare