Archivi categoria: antimafia

Le mani di Cosa Nostra sull’aeroporto di Catania

catania - sequestro-beni-Catania, 26 maggio 2016 – Parcheggi, impianti sportivi ristoranti, stabilimenti balneari società edili e beni immobili. Questo il tesoro della cosca Santapaola – Ercolano che è stato sequestrato dai poliziotti della questura di Catania. Il patrimonio, intestato a vari prestanome ma riconducibile ad un esponente di alto livello di Cosa Nostra, Roberto Vacante, ammonta a 15 milioni di euro.

Tra i bene sottoposti a sequestro preventivo su decreto del Tribunale di Catania, spicca un grande parcheggio del complesso aeroportuale dello scalo catanese di Fontanarossa.

A 24 anni dalla strage di Capaci, in coro contro la Mafia e per la legalità

giovanni falconeSono trascorsi 24 anni da quel terribile 23 maggio 1992 quando vennero ammazzati il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. Gli unici sopravvissuti furono gli agenti Paolo Capuzza, Angelo Corbo, Gaspare Cervello e l’autista giudiziario Giuseppe Costanza.

Quest’anno è stato organizzato un grande coro contro Cosa Nostra e per la legalità al quale è prevista la partecipazione di cinquantamila studenti di tutto il Paese.

    Il centro degli eventi è nel capoluogo siciliano, per ricordare Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Francesca Morvillo e gli agenti delle loro scorte. Ma le iniziative, organizzate dalla Fondazione “Giovanni e Francesca Falcone”, con la direzione generale per lo studente del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, si estenderanno anche in altre otto città italiane: Milano, Gattatico (Reggio Emilia), Firenze, Napoli, Roma, Pescara, Bari, Barile (Potenza).

A Palermo, come ogni anno, saranno due i cortei che nel pomeriggio del 23 maggio partiranno uno dall’aula bunker e l’altro da via D’Amelio per riunirsi sotto l’albero Falcone.

Gli hashtag della manifestazione saranno #23maggio e #PalermoChiamaItalia. Foto e momenti salienti degli eventi saranno raccontati su Facebook attraverso gli account Miur Social e Palermo Chiama Italia.

XXI Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

PROGETTO DI DIFFUSIONE DELLA LEGALITA’ TRA I GIOVANI PROMOSSO DALL’ARMA DEI CARABINIERI E DALL’AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI.

 

Cerimonia di intitolazione della Biblioteca della Scuola Ufficiali al Generale C.A. Carlo Alberto Dalla Chiesa.

Roma, 22 Marzo 2016 – Nel pomeriggio di ieri, alle ore 15.00, presso la Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma, in occasione della XXI Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, alla presenza del Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti, del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette e del Direttore dell’Agenzia Nazionale per i Giovani Dott. Giacomo D’Arrigo, ha avuto luogo la cerimonia di intitolazione della biblioteca al Generale C.A. Carlo Alberto Dalla Chiesa e la presentazione di sei cortometraggi realizzati da ragazzi con minori opportunità nell’ambito del progetto di diffusione della cultura della legalità.

Durante il corrente anno accademico, infatti, la Scuola Ufficiali Carabinieri, d’intesa con l’Agenzia Nazionale per i Giovani, sta promuovendo un progetto che, con il coinvolgimento attivo di giovani con minori opportunità, mira ad avvicinarli alle Istituzioni ed a realizzare un modello base per la diffusione della cultura della legalità. Lo stesso, utilizzando i canali di comunicazione più congeniali al mondo giovanile, come la musica, il cinema (cortometraggi) e il teatro, produrrà dei pacchetti di legalità da diffondere nelle scuole.

In particolare, il progetto, che ha coinvolto gli Ufficiali frequentatori della Scuola Ufficiali, come tutors dei diversi gruppi nei quali sono stati divisi i partecipanti, si basa su:

–    la produzione, con il supporto tecnico di docenti e studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore Statale Cine – TV “Roberto Rossellini” di Roma, per la sceneggiatura, le riprese, la regia ed il montaggio, e la partecipazione attiva di oltre un centinaio di studenti del Liceo Classico “Luciano Manara”, del Liceo Artistico “Caravillani”, dell’ITC “Arangio Ruiz”, dell’IPSIA “Cattaneo” nonché di un nutrito gruppo di ragazzi extracomunitari, ospiti della comunità romana “Città dei Ragazzi”, di sei cortometraggi proiettati in sala, incentrati su tematiche di legalità scelte proprio da loro (la violenza sulle donne; il fenomeno del bullismo; la ludopatial’uso e la diffusione degli stupefacentil’infiltrazione mafiosa nella societàil fenomeno dello stalking).

–    la realizzazione di un corso di musica per vari strumenti, finalizzato alla costituzione di una o più band composte da giovani studenti della Capitale, prescelti tra le fasce sociali con minori opportunità, tenuto presso i locali della Scuola a cura di Componenti della Banda dell’Arma.

Lo stesso progetto è stato presentato ufficialmente il 4 novembre u.s., alla presenza di oltre 300 studenti della Capitale, nell’ambito delle celebrazioni della ricorrenza del Giorno dell’Unità nazionale e Giornata delle FF.AA. e, nello specifico, in concomitanza con l’iniziativa Caserme aperte.

Alla cerimonia di intitolazione della biblioteca al Generale C.A. Carlo Alberto Dalla Chiesa, Prefetto di Palermo, hanno partecipato i figli Rita, Nando e Simona.

Nella biblioteca, che contiene oltre 18.000 volumi, è stato collocato il busto del Generale e sono stati installati alcuni pannelli tematici che ripercorrono i momenti salienti e più significativi della sua vita, dalla Guerra di Liberazione alla lotta alla mafia in Sicilia, dalla costituzione dei Nuclei Speciali Antiterrorismo alla sua nomina a Prefetto.