Archivi categoria: Esteri

Unifil: Fini in visita al contingente italiano

LIBANO 28 Dicembre 2009 Siete “l’orgoglio della Nazione”. Così il presidente della Camera, Fini, alle truppe italiane dislocate al confine tra Libano e Israele. Fini è accompagnato da una delegazione “espressione di tutto il Parlamento”, nella visita alla base di Shama, dove ha incontrato il generale Graziano, comandante dell’Unifil 2, e il generale Francavillla, capo dei 2.200 italiani dislocati nella zona-cuscinetto. “Siete qui -ha ricordato- per garantire che in questo angolo di mondo la tregua sfoci nella pace”.

Mauritania: Al Qaeda rivendica il rapimento della coppia di Carini

Mauritania 28 Dicembre 2009 – Con un messaggio audio, un uomo che si presenta come responsabile di Al Qaeda nel Maghreb islamico ha rivendicato il rapimento della coppia italiana scomparsa 10 giorni fa in Mauritania. Secondo la rivendicazione, il sequestro è una risposta ai “crimini compiuti dal governo italiano in Afghanistan e Iraq” Una fotografia della coppia seduta nel deserto è stata diffusa dalla tv Al Arabiya. Alle loro spalle si vedono 5 uomini armati con il viso coperto.
Il ministero degli Esteri sta intanto verificando l’attendibilità della rivendicazione di al Qaeda del rapimento. Il ministro Frattini, parlando di uno scenario “verosimile”, ha sottolineato che con i terroristi non si tratta, per evitare di legittimarli. “Il governo – ha detto Frattini – intende mantenere il massimo riserbo e il silenzio stampa al fine di assicurare l’ incolumità degli ostaggi”. Poi ha ricordato che l’11 e 12 gennaio sarà in Mauritania, dove seguirà personalmente la vicenda.
Intanto la procura di Roma ha aperto un’inchiesta sul sequestro di Sergio Cicala (lui e’siciliano di Carini, Palermo) e la moglie Philomene Kabore. Sequestro di persona per terrorismo e’ il reato configurato. Al vaglio degli inquirenti la rivendicazione di al Qaida, in particolare il messaggio audio, datato 27 dicembre e diffuso dalla tv Al Arabiya. Agli atti e’ finita anche la foto, apparsa online, della coppia con alle spalle 5 uomini armati.

Yemen: Al Qaeda addestra gruppi per attacchi terroristici

Sana’a 28 Dicembre 2009 – La rete terroristica di al Qaeda in Yemen aveva progettato attacchi contro l’ambasciata britannica a Sana’a. Lo riferiscono i servizi di sicurezza yemeniti che nei giorni scorsi hanno lanciato un’offensiva, arrestando 29 presunti terroristi. Al Qaeda inoltre aveva pianificato operazioni per colpire interessi occidentali nel Paese, compagnie petrolifere e personalità politiche e militari. La tensione è salita dopo che l’attentatore di Natale all’aereo Usa ha rivelato di aver avuto istruzioni dallo Yemen.
Intanto, un gruppo di almeno 25 musulmani britannici sarebbe in Yemen per essere addestrati per compiere attacchi aerei simili a quello di Natale sul volo Amsterdam-Detroit. Lo rivela il quotidiano inglese The Sun che cita fonti di Scotland Yard. Il timore, spiega la fonte, “è che Mutallah sia solo il primo di molti altri terroristi pronti a uccidere”. I sospettati sono di origine somala o pakistana che hanno frequentato moschee in Inghilterra, con una formazione di tipo ingegneristico o informatico.