Archivi tag: Aise

Cambio al vertice dell'Arma: arriva il nuovo Vice-comandante generale

ROMA 15 Giugno 2011 – Nel pomeriggio di ieri, presso il Salone di Rappresentanza del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, alla presenza del Comandante Generale Leonardo Gallitelli e dei vertici dell’Istituzione, si è svolta la cerimonia di avvicendamento nella carica di Vice Comandante Generale dell’Arma fra il Generale di Corpo d’Armata Corrado Borruso, che termina il mandato dopo un anno, e il Generale di Corpo d’Armata Michele Franzè, che lo assume proveniente dall’incarico di Vice Direttore dell’Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna (AISE).   Nel corso della cerimonia, preceduta nella mattinata dalla deposizione di una corona di alloro da parte dei due Ufficiali al Sacrario dei Caduti presso il Museo Storico dell’Arma, il Generale Gallitelli ha espresso al Gen. C.A.Borruso “sentita gratitudine per quanto ha fatto per l’Arma in quarantacinque anni di servizio”, mentre al Gen. C.A. Franzè le sue “più vive felicitazioni con i migliori auguri di buon lavoro” nel nuovo incarico.

 

* Il Generale di Corpo d’Armata dei Carabinieri Michele FRANZE’, nato a Napoli il 12 gennaio 1947, dal 15 giugno 2011 ricopre l’incarico di  Vice Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri.

L’Ufficiale, dopo avere frequentato la Scuola Militare “Nunziatella”, l’Accademia di Modena e la Scuola Ufficiali in Roma, raggiunge con il grado di Tenente – quale prima destinazione – Livorno, ove presta servizio, tra i Carabinieri Paracadutisti, dal 1971 al 1976.

Successivamente ricopre importanti incarichi di comando, quale comandante di Compagnia a Milano, tra il ’76 e l’81, e Comandante Provinciale, dapprima a Sassari, per tre anni, e poi a Torino, per altri quattro anni.

Particolarmente significative anche le esperienze di Stato Maggiore maturate presso il Comando Generale dell’Arma, ove ricopre per sei anni gli incarichi di capo-sezione e capo-ufficio personale ufficiali.

Laureato in scienze politiche, in giurisprudenza ed in scienze della sicurezza, ha frequentato con successo il corso di Stato Maggiore ed il corso superiore di Stato Maggiore presso la Scuola di Guerra, conseguendo altresì il master di 2° livello in Scienze Strategiche presso l’Università di Torino.

Dal settembre del 1997, per oltre due anni, ha comandato il 1° Reggimento Carabinieri Paracadutisti “Tuscania”, reparto di punta dell’Arma, i cui uomini sono impegnati in delicatissime missioni in Italia e all’estero.

Promosso Generale di Brigata nel gennaio del 2000, di Divisione nel 2003 e di Corpo d’Armata nel 2006, ha retto il Comando della Regione Carabinieri “Puglia” per quasi 5 anni, quello della Divisione Unità Mobili, a Treviso, per altri due anni,  il Comando Unità Mobili e Specializzate “Palidoro”, in Roma, da settembre 2006 a gennaio 2009 e, per ultimo, l’incarico di Vice Direttore

Operativo dell’Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna (AISE) a Roma.

Coniugato con la sig.ra Mariella CALIARI, ha una figlia trentasettenne, Vice Questore della Polizia di Stato.

È insignito delle seguenti onorificenze:

Cavaliere di Gran Croce al Merito del “Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio”;

Grand’Ufficiale dell’Ordine “al Merito della Repubblica Italiana”;

Medaglia Mauriziana al “Merito di 10 lustri di Carriera Militare”;

Medaglia d’Oro per Lungo Comando;

Cavaliere di Grazia Magistrale del “Sovrano Militare Ordine di Malta”;

Commendatore dell’Ordine di “Sant’Agata della Serenissima Repubblica di San Marino”.

 

Cambio al vertice dell’Arma: arriva il nuovo Vice-comandante generale

ROMA 15 Giugno 2011 – Nel pomeriggio di ieri, presso il Salone di Rappresentanza del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, alla presenza del Comandante Generale Leonardo Gallitelli e dei vertici dell’Istituzione, si è svolta la cerimonia di avvicendamento nella carica di Vice Comandante Generale dell’Arma fra il Generale di Corpo d’Armata Corrado Borruso, che termina il mandato dopo un anno, e il Generale di Corpo d’Armata Michele Franzè, che lo assume proveniente dall’incarico di Vice Direttore dell’Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna (AISE).   Nel corso della cerimonia, preceduta nella mattinata dalla deposizione di una corona di alloro da parte dei due Ufficiali al Sacrario dei Caduti presso il Museo Storico dell’Arma, il Generale Gallitelli ha espresso al Gen. C.A.Borruso “sentita gratitudine per quanto ha fatto per l’Arma in quarantacinque anni di servizio”, mentre al Gen. C.A. Franzè le sue “più vive felicitazioni con i migliori auguri di buon lavoro” nel nuovo incarico.

 

* Il Generale di Corpo d’Armata dei Carabinieri Michele FRANZE’, nato a Napoli il 12 gennaio 1947, dal 15 giugno 2011 ricopre l’incarico di  Vice Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri.

L’Ufficiale, dopo avere frequentato la Scuola Militare “Nunziatella”, l’Accademia di Modena e la Scuola Ufficiali in Roma, raggiunge con il grado di Tenente – quale prima destinazione – Livorno, ove presta servizio, tra i Carabinieri Paracadutisti, dal 1971 al 1976.

Successivamente ricopre importanti incarichi di comando, quale comandante di Compagnia a Milano, tra il ’76 e l’81, e Comandante Provinciale, dapprima a Sassari, per tre anni, e poi a Torino, per altri quattro anni.

Particolarmente significative anche le esperienze di Stato Maggiore maturate presso il Comando Generale dell’Arma, ove ricopre per sei anni gli incarichi di capo-sezione e capo-ufficio personale ufficiali.

Laureato in scienze politiche, in giurisprudenza ed in scienze della sicurezza, ha frequentato con successo il corso di Stato Maggiore ed il corso superiore di Stato Maggiore presso la Scuola di Guerra, conseguendo altresì il master di 2° livello in Scienze Strategiche presso l’Università di Torino.

Dal settembre del 1997, per oltre due anni, ha comandato il 1° Reggimento Carabinieri Paracadutisti “Tuscania”, reparto di punta dell’Arma, i cui uomini sono impegnati in delicatissime missioni in Italia e all’estero.

Promosso Generale di Brigata nel gennaio del 2000, di Divisione nel 2003 e di Corpo d’Armata nel 2006, ha retto il Comando della Regione Carabinieri “Puglia” per quasi 5 anni, quello della Divisione Unità Mobili, a Treviso, per altri due anni,  il Comando Unità Mobili e Specializzate “Palidoro”, in Roma, da settembre 2006 a gennaio 2009 e, per ultimo, l’incarico di Vice Direttore

Operativo dell’Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna (AISE) a Roma.

Coniugato con la sig.ra Mariella CALIARI, ha una figlia trentasettenne, Vice Questore della Polizia di Stato.

È insignito delle seguenti onorificenze:

Cavaliere di Gran Croce al Merito del “Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio”;

Grand’Ufficiale dell’Ordine “al Merito della Repubblica Italiana”;

Medaglia Mauriziana al “Merito di 10 lustri di Carriera Militare”;

Medaglia d’Oro per Lungo Comando;

Cavaliere di Grazia Magistrale del “Sovrano Militare Ordine di Malta”;

Commendatore dell’Ordine di “Sant’Agata della Serenissima Repubblica di San Marino”.

 

Roma: passaggio di consegne al comando del COI

ROMA 12 Maggio 2010 – Presso l’aeroporto “Francesco Baracca”, sede del Comando Operativo di vertice Interforze (COI), lo scorso lunedì 10 maggio si è tenuta la cerimonia di avvicendamento nella carica di Comandante del COI fra il Gen. S.A. Tommaso Ferro (cedente) ed il Gen. C.A. Giorgio Cornacchione (subentrante).
L’evento, svolto alla presenza delle più alte cariche militari, è stato presieduto dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Vincenzo Camporini.
Nel suo discorso Camporini ha sottolineato come “grazie al COI si realizza la costante e quotidiana attività di pianificazione, coordinamento e controllo rivolta a tutte le componenti operanti in campo nazionale ed internazionale”. Quindi, il Generale ha aggiunto che “i positivi e riconosciuti risultati delle nostre Forze Armate non sarebbero possibili senza il determinante contributo che il COI e il suo personale, ad ogni livello di responsabilità, mettono a disposizione ogni giorno, 24 ore su 24, quale infaticabile traduttore e realizzatore operativo della policy nazionale della difesa”.
Il Gen. Ferro ha voluto esprimere il suo ringraziamento a tutto il personale del COI, quale team animato da un reale spirito interforze che contribuisce ad innalzare l’immagine di credibilità della nostra difesa e del nostro paese nel contesto internazionale. Ferro ha voluto anche ricordare, riferendosi all’attentato di Kabul del 17 settembre scorso, “le sei giovani vite spezzate dalla maligna insorgenza afgana, di cui conserverò indelebile memoria e attraverso loro, il loro spirito di valorosi soldati, onorerò sempre quanti, al servizio della Patria, hanno dovuto rinunciare a tanto”. Il Gen. Ferro lascia il COI per assumere l’incarico di Vice Comandante della Squadra Aerea.
Il Gen. C.A. Cornacchione, proveniente dai ranghi dell’Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna (AISE), nel ringraziare i vertici della Difesa per il prestigioso incarico e la fiducia accordatagli, ha rivolto agli uomini ed alle donne schierati nei teatri operativi il suo saluto e l’incondizionato supporto del suo impegno nell’incarico assunto.
Il COI, retto da un Generale di Corpo d’Armata e gradi corrispondenti, è stato costituito nel 1997 ed è la struttura attraverso la quale il Capo di Stato Maggiore della Difesa, responsabile dell’impiego delle Forze Armate nel loro complesso, pianifica, predispone e dirige le operazioni nonché le esercitazioni interforze e multinazionali.