Archivi tag: Baghdad

Iraq: concluso il 1° corso Female Mobile Training

Si è concluso, con la consegna degli attestati di partecipazione, il primo corso Female Mobile Training, dedicato alla polizia femminile irachena presso l’Istituto “Civil Defense Training Center” di Baghdad (Iraq), a cui hanno partecipato tre ufficiali donne dell’Arma dei Carabinieri, in qualità di docenti. Il corso, organizzato nell’ambito della missione internazionale Operation Inherent Resolve-Prima Parthica dalla Task Force Carabinieri, ha visto la partecipazione di 33 poliziotte irachene, alcune già in forza alla polizia da anni, altre da pochi mesi. Il training è stato organizzato con lo specifico obiettivo di trasmettere le competenze italiane in materia di violenza di genere e pari opportunità alle colleghe irachene, analizzare la posizione della donna nella società ed il suo ruolo in Iraq, approfondire le tematiche inerenti alla tutela dei diritti umani ed al trattamento delle vittime di violenze domestiche. Il corso ha visto entusiasta partecipazione da parte del corpo di polizia iracheno, le cui rappresentanti hanno assistito con interesse e spirito costruttivo ai dibattiti seguiti ad ogni giornata di lezione, sulle varie materie del corso. Allo stesso modo, hanno partecipato con determinazione anche alla parte di addestramento tecnico-pratica, anche questa facente parte del percorso addestrativo. Durante le lezioni sono stati sfruttati differenti approcci comunicativi: la lettura di testi ed articoli di giornale, la proiezione di filmati e reportage con dati, il confronto diretto conseguente all’analisi di testi legislativi. Il corso, tenuto in lingua inglese, ha visto la presenza fissa di un interprete di lingua araba. La cerimonia si è svolta alla presenza del Ministro dell’ Interno Iracheno Qasim Al Araji, del Maggior Generale Abdulkareem Training Director del Ministero, nonché delle rappresentanze diplomatiche italiana, spagnola, canadese e dell’Unione Europea. Nella circostanza il Ministro dell’Interno ha riconosciuto la rilevanza del programma addestrativo e l’impegno posto dall’Arma dei Carabinieri nello sviluppare l’intero progetto, auspicando sin da subito la disponibilità di una futura ulteriore collaborazione nel senso, che possa ulteriormente avvicinare i rapporti tra i due Paesi.

 

(fonte www.carabinieri.it)

NATO Training Mission in Iraq: conclusi tre corsi a favore della polizia irachena.

BAGHDAD 29 Agosto 2011 – La fine del mese di agosto ha visto la conclusione di ben tre significative attività condotte dalla NATO Training Mission in Iraq (NTM-I) a favore delle Forze di Sicurezza irachene.

A Camp Dublin, nei pressi di Baghdad dove opera la componente Carabinieri della NTM-I, 100 poliziotti della Iraqi Federal Police hanno terminato con successo il primo corso di Tecniche di Controllo della Folla in cui gli istruttori iracheni hanno insegnato autonomamente con la supervisione dei Carabinieri, mentre altri 221 poliziotti della Oil Police (quest’ultimo Corpo di Polizia è entrato a far parte del programma di insegnamento dei Carabinieri della NTM-I dall’ottobre scorso) hanno ultimato il quinto corso basico di addestramento. Nel frattempo, a Taji (località a 30 chilometri a nord ovest di Baghdad dove la NTM-I è presente con un team mobile di istruttori), 35 Sottufficiali dell’Esercito iracheno hanno concluso il secondo corso per Istruttori di Unità.

Il Vice Comandante della NTM-I, il Generale di Divisione italiano Giovanni Armentani, si è dichiarato soddisfatto per i progressi fatti dalle Forze di Sicurezza irachene che si rivelano sempre più autosufficienti e danno prova di alta professionalità.

Analogamente, il Tenente Colonnello dei Carabinieri Michele Facciorusso, Comandante della Gendarmerie Training Division della NTM-I, ha affermato: “Sono davvero colpito dai risultati conseguiti dai frequentatori iracheni in questi corsi che curiamo ormai da quattro anni. Credo che [gli Iracheni] siano sulla giusta strada per divenire una forza di Polizia completamente indipendente sotto il profilo formativo e procedurale. E’ proprio questo, in particolare, lo spirito del primo corso di Tecniche di Controllo della Folla appena concluso, dove tutti gli istruttori erano iracheni”.

Il Tenente Colonnello Olexander Osmirko, capo del team mobile della NTM-I, ha così commentato il corso in Taji: “Questo corso rappresenta un momento molto importante perché, per la prima volta, abbiamo avuto istruttori iracheni che hanno condotto le lezioni e le attività previste, mentre i nostri istruttori [NATO] hanno avuto solo funzioni di mentoring e consulenza”. Le materie del corso erano prevalentemente incentrate sulla metodologia didattica e tecniche di insegnamento.

 

( www.difesa.it )

Iraq: Carabinieri in prima linea senza barriere nè etnie

NATO Training Mission-Iraq BAGHDAD 05 Gennaio 2010 – NATO Training Mission, ovvero in sigla NTM-I. E’ la missione internazionale dove i Carabinieri italiani dedicano gran parte delle energie dei loro uomini migliori all’addestramento della Polizia Federale irachena, nella loro sede presso Camp Dublin.

Sono poco meno di un centinaio i militari che dal 2007 sono impegnati, su espressa richiesta del governo iracheno, in uno dei piu’ importanti progetti della missione della NATO in Iraq: fornire addestramento avanzato alla IFP e formare gli istruttori iracheni per il raggiungimento di una piena indipendenza e autonomia operativa.

La Nato Training Mission Iraq (NTM-I) si è insediata sul suolo iracheno il 14 agosto 2004 in seguito alla richiesta del Governo iracheno ad interim di provvedere ad uno specifico addestramento, all’assistenza negli equipaggiamenti e all’assistenza tecnica alle forze di sicurezza (ISF – Iraqi Security Forces) per aiutare l’Iraq a sviluppare un settore della sicurezza efficace, duraturo ed a guida democratica. Il lavoro del personale NATO è focalizzato nell’addestramento, nel consiglio e nel “mentoraggio” del personale di staff; inoltre è volto allo sviluppo di una robusta e duratura leadership sia a livello strategico che operativo. La NTM-I, inoltre, organizza l’addestramento di personale locale presso le strutture della NATO e coordina le donazioni di equipaggiamenti.
La NTM-I è supportata e finanziata da tutte le 28 nazioni componenti la NATO. Attualmente 13 Paesi hanno personale di staff in teatro: Bulgaria, Danimarca, Estonia, Gran Bretagna, Italia, Lituania, Olanda, Polonia, Romania, Stati Uniti, Turchia, Ucraina (Partnership for Peace) e Ungheria.
II Quartier Generale della missione è situato nella International Zone (IZ) a Baghdad, presso la Union III Forward Base. Lo staff del Quartier Generale si sposta verso le differenti sedi delle ISF all’interno della IZ per svolgere i compiti di addestramento, consiglio e “mentoraggio”. Le altre sedi dove operano i mentori sono: la NTM-I Forward Base stabilita ad Ar Rustamiyah (località situata nell’immediata periferia di Baghdad a circa 20 Km a Sud Est della città) per le attività di assistenza e di supporto al funzionamento del Joint Staff and Command College (JSCC), dell’Accademia Militare e del battaglione di dfesa della Base; presso il Ministro dell’Interno, dove la NTM-I aiuta a costruire il National Command Center e a Camp Dublin, dove i carabinieri italiani addestrano la polizia federale irachena.

«Questo “esperimento” sinora ha dato risultati assolutamente positivi – ha dichiarato il Colonnello dei Carabinieri Luciano Zubani, comandante della Gendarmerie Training Division – ed e’ in linea con lo spirito della missione che vede con favore il superamento di qualsivoglia barriera e ostacolo all’integrita’ nazionale».
La novità interessante di questo addestramento è difatti quella che vede fianco a fianco iracheni di etnia curda, per la prima volta, con gli altri colleghi iracheni: in due anni di laboriosa presenza, i Carabinieri hanno addestrato 14 battaglioni di Polizia per un totale di oltre 7000 uomini.

La NTM-I, cui l’Italia contribuisce con la componente piu’ numerosa, sta addestrando e fornendo mentoring e advising agli Ufficiali delle Forze di Sicurezza irachene sin dal 2004, per mettere il governo dell’Iraq nelle condizioni di riprendere il suo importante posto nell’ambito della comunita’ internazionale e per migliorare le condizioni di sicurezza del popolo iracheno grazie a forze di sicurezza democratiche.
La NTM-I svolge quindi funzioni di mentoring e supporta L’Iraqi Defense University, l’Iraqi National defense College e l’Istituto di Studi Strategici della Difesa. Altri progetti di cooperazione per la NATO in Iraq sono inoltre costituiti dall’addestramento all’estero presso scuole NATO per personale militare iracheno e dall’addestramento impartito dai Carabinieri alla Polizia irachena, nonche’ l’addestramento svolto a favore dell’Accademia Militare irachena di Ar-Rustamiyah e del Joint Staff College e Command College.
Ufficiali dell’NTM–I garantiscono inoltre mentoring e consulenza al National Operations Centre del Primo Ministro, al National Command Centre del Ministero iracheno degli Interni e al Joint Operations Centre del Ministero della Difesa.