Archivi tag: Brigate Rosse

In memoria dell’eccidio di via Prati di Papa

ROMA 14 Febbraio 2013 – Ricorre oggi il 26° anniversario dell’eccidio di via Prati di Papa, nel quale persero la vita  due Assistenti della Polizia di Stato, Rolando Lanari e Giuseppe Scravaglieri, ad opera di un commando del gruppo terroristico delle Brigate Rosse.
La pattuglia del Reparto Volanti, mentre percorreva via Prati di Papa, fu assalita da un commando di cinque persone, che crivellarono di colpi i due poliziotti.
Soltanto l’autista, Pasquale Parenti, riuscì a salvarsi.
L’agguato fu rivendicato dalle “Brigate Rosse” per la costruzione del Partito Comunista Combattente ed i processi che seguirono accertarono che l’omicidio era stato compiuto da esponenti del gruppo terroristico che lo aveva rivendicato.
Durante la cerimonia di commemorazione, svoltasi alle ore 10,00 in presenza dei familiari della vittima, il Questore di Roma Fulvio della Rocca ha deposto una corona di fiori a nome del Capo della Polizia, Prefetto Antonio Manganelli.

In memoria dell'eccidio di via Prati di Papa

ROMA 14 Febbraio 2013 – Ricorre oggi il 26° anniversario dell’eccidio di via Prati di Papa, nel quale persero la vita  due Assistenti della Polizia di Stato, Rolando Lanari e Giuseppe Scravaglieri, ad opera di un commando del gruppo terroristico delle Brigate Rosse.
La pattuglia del Reparto Volanti, mentre percorreva via Prati di Papa, fu assalita da un commando di cinque persone, che crivellarono di colpi i due poliziotti.
Soltanto l’autista, Pasquale Parenti, riuscì a salvarsi.
L’agguato fu rivendicato dalle “Brigate Rosse” per la costruzione del Partito Comunista Combattente ed i processi che seguirono accertarono che l’omicidio era stato compiuto da esponenti del gruppo terroristico che lo aveva rivendicato.
Durante la cerimonia di commemorazione, svoltasi alle ore 10,00 in presenza dei familiari della vittima, il Questore di Roma Fulvio della Rocca ha deposto una corona di fiori a nome del Capo della Polizia, Prefetto Antonio Manganelli.

Cerimonia in memoria del maresciallo di polizia Domenico Taverna

ROMA 28 Novembre 2011 – Questa mattina, il Questore Francesco Tagliente, in occasione del 32° anniversario della scomparsa del Maresciallo di Pubblica Sicurezza Domenico Taverna, medaglia d’oro al valore civile, ha deposto una corona presso il Commissariato “Appio Nuovo”.

Il 27 novembre del 1979, a Roma un commando delle Brigate Rosse uccideva sotto la sua abitazione il Maresciallo della Polizia di Stato Domenico Taverna, comandante della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato Appio Nuovo.

Due membri della colonna brigatista denominata “28 marzo”, armati di pistola, giunsero alle spalle del Maresciallo Taverna, mentre si stava recando a ritirare la sua autovettura presso un’autorimessa di via Cherso 32. I terroristi aprirono il fuoco colpendolo a morte con otto pallottole alla schiena, al torace ed alle gambe.

Le indagini della Polizia consentirono di individuare e catturare tutti i componenti del commando, che vennero poi condannati con sentenza passata in giudicato.

La cerimonia è iniziata alle ore 9.00. Il Questore Francesco Tagliente, a nome del Capo della Polizia Prefetto Antonio Manganelli, ha deposto una corona di alloro sulla lapide collocata presso il commissariato Appio Nuovo.

Alla cerimonia, insieme al dirigente del Commissariato dott.ssa Elisabetta Bozzi, erano presenti anche i rappresentanti delle Forze dell’Ordine e delle Istituzioni locali,oltre ai famigliari e colleghi della vittima.

Il Questore ha voluto ricordare il sacrificio per i valori dello Stato di Domenico Taverna, vittima del terrorismo.