Archivi tag: Bruxelles

Vicenda Maro’ e’ questione internazionale

I Ministri della Difesa della NATO riuniti a Bruxelles

Il Ministro della Difesa Roberta Pinotti ha preso parte oggi, a Bruxelles, alla riunione dei Ministri della Difesa della NATO.

BRUXELLES, 26 Febbraio 2014 – La situazione in Ucraina, le capacità di difesa della NATO, la missione in Afghanistan. Questi i temi principali al centro della riunione dei Ministri della Difesa della NATO che ha preso il via oggi e si concluderà domani.
Incontro che porrà le basi per il prossimo Vertice della NATO che si terrà a settembre nel Galles.

Nel corso dei lavori, il Ministro Pinotti ha portato all’attenzione dell’assemblea la vicenda dei fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.

«In occasione della mia prima riunione ministeriale Nato ho voluto portare all’attenzione dei colleghi dell’Alleanza atlantica il caso dei nostri due fucilieri di Marina, da due anni trattenuti in India – ha detto il Ministro Pinotti-

Durante i lavori ho raccolto la solidarietà dei Paesi partecipanti, ai quali ho voluto sottolineare come la vicenda non possa essere ridotta ad un mero contenzioso bilaterale italo-indiano.

Il caso dei nostri due marò è e deve essere considerata a tutti gli effetti come una questione di rilievo internazionale».

Tra gli argomenti all’ordine del giorno della ministeriale,  anche  la cyber defence, la sicurezza marittima, l’interoperabilità tra gli alleati e con i Paesi partner nel quadro della Connected Forces Initiative.
A margine della riunione, il Ministro Pinotti ha partecipato a  diversi colloqui bilaterali. Con il Ministro della Difesa francese, Jean Yves Le Drian ha affrontato, in particolare, il tema del rafforzamento della cooperazione in ambito UE.

Il Ministro Pinotti ha poi incontrato il suo omologo neozelandese Jonathan Coleman, con il quale si è soffermata sui temi della cooperazione bilaterale e multilaterale, in particolare sulla sicurezza marittima. Si e’ potuto verificare il comune desiderio di coltivare una proficua collaborazione anche nell’ambito della Alleanza atlantica.

Nel corso del colloquio è emerso anche l’intendimento del Ministro Coleman di partecipare alle celebrazioni del 70° anniversario della Battaglia di Cassino che si terranno a maggio.

Il Ministro Pinotti ha poi incontrato il Segretario alla Difesa statunitense Chuck Hagel, con cui ha affrontato il post ISAF e la situazione in Libia. La cooperazione industriale, invece, e’ stato il tema al centro del colloquio con l’ olandese Jeanine Hennis-Plasschaert.

A margine della sessione, un breve incontro anche con il ministro polacco Tomasz Siemoniak dove sono sono stati riaffermati gli ottimi rapporti esistenti in continuità con l’azione del precedente governo.

 

Courtesy  www.difesa.it

Vicenda Maro' e' questione internazionale

I Ministri della Difesa della NATO riuniti a Bruxelles

Il Ministro della Difesa Roberta Pinotti ha preso parte oggi, a Bruxelles, alla riunione dei Ministri della Difesa della NATO.

BRUXELLES, 26 Febbraio 2014 – La situazione in Ucraina, le capacità di difesa della NATO, la missione in Afghanistan. Questi i temi principali al centro della riunione dei Ministri della Difesa della NATO che ha preso il via oggi e si concluderà domani.
Incontro che porrà le basi per il prossimo Vertice della NATO che si terrà a settembre nel Galles.

Nel corso dei lavori, il Ministro Pinotti ha portato all’attenzione dell’assemblea la vicenda dei fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.

«In occasione della mia prima riunione ministeriale Nato ho voluto portare all’attenzione dei colleghi dell’Alleanza atlantica il caso dei nostri due fucilieri di Marina, da due anni trattenuti in India – ha detto il Ministro Pinotti-

Durante i lavori ho raccolto la solidarietà dei Paesi partecipanti, ai quali ho voluto sottolineare come la vicenda non possa essere ridotta ad un mero contenzioso bilaterale italo-indiano.

Il caso dei nostri due marò è e deve essere considerata a tutti gli effetti come una questione di rilievo internazionale».

Tra gli argomenti all’ordine del giorno della ministeriale,  anche  la cyber defence, la sicurezza marittima, l’interoperabilità tra gli alleati e con i Paesi partner nel quadro della Connected Forces Initiative.
A margine della riunione, il Ministro Pinotti ha partecipato a  diversi colloqui bilaterali. Con il Ministro della Difesa francese, Jean Yves Le Drian ha affrontato, in particolare, il tema del rafforzamento della cooperazione in ambito UE.

Il Ministro Pinotti ha poi incontrato il suo omologo neozelandese Jonathan Coleman, con il quale si è soffermata sui temi della cooperazione bilaterale e multilaterale, in particolare sulla sicurezza marittima. Si e’ potuto verificare il comune desiderio di coltivare una proficua collaborazione anche nell’ambito della Alleanza atlantica.

Nel corso del colloquio è emerso anche l’intendimento del Ministro Coleman di partecipare alle celebrazioni del 70° anniversario della Battaglia di Cassino che si terranno a maggio.

Il Ministro Pinotti ha poi incontrato il Segretario alla Difesa statunitense Chuck Hagel, con cui ha affrontato il post ISAF e la situazione in Libia. La cooperazione industriale, invece, e’ stato il tema al centro del colloquio con l’ olandese Jeanine Hennis-Plasschaert.

A margine della sessione, un breve incontro anche con il ministro polacco Tomasz Siemoniak dove sono sono stati riaffermati gli ottimi rapporti esistenti in continuità con l’azione del precedente governo.

 

Courtesy  www.difesa.it

Bruxelles: Contrastare lo spreco alimentare anche attraverso educazione a modalità alternative.

BRUXELLES 23 Novembre 2011 – “Il livello di spreco alimentare non deve crescere ancora e dobbiamo contrastarlo tramite strumenti ma anche una cultura volta ad illustrarne puntuali cause ed effetti economici, ambientali e sociali.”

Così l´On. Giovanni La Via, relatore ombra per il PPE della relazione di iniziativa “Evitare lo spreco di alimenti: strategie per migliorare l’efficienza della catena alimentare nell’UE” commenta il voto di oggi nella della Commissione agricoltura del Parlamento europeo.

Un fenomeno che nell´ultimo trentennio é cresciuto del 50% con ricadute non solo etiche ma anche economiche, ambientali, sociali, nutrizionali e sanitarie.

Non appare eticamente sostenibile che a fronte dei circa 80 milioni di persone che in Europa vivono al di sotto del livello di povertà, vi siano tonnellate di cibo, ancora edibile, che viene buttato nella spazzatura e che non si riesca a “differenziare” quanto più possibile le materie impiegate per la produzione e confezionamento dei cibi.

A tale fine, infatti, gli eurodeputati della ComAGRI chiedono una chiara distinzione tra “spreco alimentare” e “rifiuto alimentare”;in modo da  circoscrivere il primo a quell´insieme dei prodotti alimentari scartati dalla catena agroalimentare per ragioni varie o per prossimità della scadenza di consumo, ma ancora commestibili e potenzialmente destinabili al consumo umano e che, in assenza di un possibile uso alternativo, sono destinati ad essere eliminati.

Un´eliminazione   – dichiara La Via – che avviene attraverso elevati costi economici ma anche ambientale che é la società stessa a pagare quando invece potrebbe fare molto, spesso inconsapevolmente, per limitarne l´entità.”

Dagli imballaggi e dalle confezioni monodose o di tipo familiare, da più dettagliate informazioni circa la scadenza dei prodotti agroalimentari passando per un´educazione alimentare e gastronomica più incisiva che aiuti i cittadini a riutilizzare i prodotti, la gamma delle proposte é sicuramente molto varia.

Ma soprattutto – conclude l`On. Giovanni La Via – questi suggerimenti e il voto di oggi segnano l´avvio di un percorso normativo con cui, in futuro, riuscire a conciliare esigenze dei consumatori, in termini igienici ed informativi, attraverso differenziate e semplificate modalità di packaging a minore costo per le imprese e, quindi, a prezzi finali più bassi.”