Archivi tag: Caltagirone

Caltagirone: Polizia insegue e cattura due ladri d’auto

CALTAGIRONE 12 Gennaio 2010 – Ieri notte, personale del Commissariato P.S. Caltagirone, in servizio di volante ha proceduto all’arresto di:Samuele Rezoagli di 21 anni e Francesco Amore di 20 anni, entrambi resisi responsabili di furto di autovettura, nonché di danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale.
In particolare, nella tarda serata di domenica scorsa, una signora si presentava al Commissariato per denunciare il furto, appena subito, della propria autovettura Lancia Y.
La pattuglia della volante diramava immediatamente le ricerche, che in un primo momento davano esito negativo. Dopo qualche ora un amico della donna, transitando per la Circonvallazione di Caltagirone, notava dei giovani che uscivano da un parcheggio a bordo dell’auto  dell’amica. Ottenuta conferma che l’amica aveva subito il furto dell’autovettura contattava il “113” per segnalare la zona ove era stata avvistata la citata autovettura.Il personale operante individuata Lancia Y in zona “Piano Carbone” intimavano l’alt agli occupanti che alla vista della Polizia si davano a precipitosa fuga dirigendosi verso il centro città.Nel corso dell’inseguimento per le vie della zona nuova di Caltagirone il conducente della Lancia Y per sfuggire alla cattura speronava l’autovettura di servizio. Poco dopo Il conducente dell’autovettura rubata viste le difficoltà, con mossa fulminea, decideva di bloccare l’auto per proseguire la fuga, unitamente al complice, a piedi.Dopo un breve inseguimento i predetti venivano bloccati e tratti in arresto. Francesco Amore, veniva indagato anche per guida senza patente, in quanto mai conseguita. Lo stesso, a tale contestazione, dichiarava agli operatori di Polizia che il furto dell’auto, gli sarebbe giovato a fare scuola guida, ad esercitarsi per il conseguimento della patente. L’altro soggetto presentava un precedente di polizia per un analogo fatto.

Caltagirone: Polizia insegue e cattura due ladri d'auto

CALTAGIRONE 12 Gennaio 2010 – Ieri notte, personale del Commissariato P.S. Caltagirone, in servizio di volante ha proceduto all’arresto di:Samuele Rezoagli di 21 anni e Francesco Amore di 20 anni, entrambi resisi responsabili di furto di autovettura, nonché di danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale.
In particolare, nella tarda serata di domenica scorsa, una signora si presentava al Commissariato per denunciare il furto, appena subito, della propria autovettura Lancia Y.
La pattuglia della volante diramava immediatamente le ricerche, che in un primo momento davano esito negativo. Dopo qualche ora un amico della donna, transitando per la Circonvallazione di Caltagirone, notava dei giovani che uscivano da un parcheggio a bordo dell’auto  dell’amica. Ottenuta conferma che l’amica aveva subito il furto dell’autovettura contattava il “113” per segnalare la zona ove era stata avvistata la citata autovettura.Il personale operante individuata Lancia Y in zona “Piano Carbone” intimavano l’alt agli occupanti che alla vista della Polizia si davano a precipitosa fuga dirigendosi verso il centro città.Nel corso dell’inseguimento per le vie della zona nuova di Caltagirone il conducente della Lancia Y per sfuggire alla cattura speronava l’autovettura di servizio. Poco dopo Il conducente dell’autovettura rubata viste le difficoltà, con mossa fulminea, decideva di bloccare l’auto per proseguire la fuga, unitamente al complice, a piedi.Dopo un breve inseguimento i predetti venivano bloccati e tratti in arresto. Francesco Amore, veniva indagato anche per guida senza patente, in quanto mai conseguita. Lo stesso, a tale contestazione, dichiarava agli operatori di Polizia che il furto dell’auto, gli sarebbe giovato a fare scuola guida, ad esercitarsi per il conseguimento della patente. L’altro soggetto presentava un precedente di polizia per un analogo fatto.

Caltagirone: indagati in 17 per frode al palazzo di giustizia

CALTAGIRONE 15 Dicembre 2009 – Indagate diciassette persone dalla Procura della Repubblica di Caltagirone per presunta frode per un appalto da 4,5 milioni di euro per l’impianto di climatizzazione del Palazzo di Giustizia. Gli indagati sono 5 imprenditori, 6 tecnici di aziende private e 5 del comune. I macchinari erano gia’ superati all’epoca dell’installazione. I lavori furono eseguiti tra 2006 e 2009 ed i reati ipotizzati sono falso ideologico, abuso di ufficio, truffa e frode.