Archivi tag: Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Frascati

Roma: carabinieri interrompono "summit" di nomadi e trovano rapinatori

ROMA 08 Ottobre 2010 – I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Frascati hanno arrestato 4 nomadi stanziali di origini slave, due maggiorenni e due minorenni, irreperibili da due settimane, responsabili di aver rapinato un esponente di un’altra famiglia nomade lo scorso 24 settembre.
Lo scorso 22 settembre 2010, per cause in corso di accertamento, scoppiò una violenta rissa, tra due fazioni opposte di nomadi di origini slave stanziatesi nella periferia Sud della Capitale, alla quale parteciparono una decina di persone. Soltanto due giorni dopo, 4 persone eseguirono un “vero e proprio agguato” nei confronti di un esponente della famiglia rivale: dopo aver speronato la sua autovettura lo colpirono violentemente con mazze di ferro e asportarono alla moglie la somma di circa 7mila euro in contanti. Nei giorni successivi la “faida” proseguì con l’incendio di alcune autovetture della famiglia già vittima della rapina.
Subito le indagini dei Carabinieri, che si sono messi sulle tracce degli autori della rapina del 24 settembre, per mettere fine all’ ”escalation di violenza”. Nella giornata di ieri, durante l’attività investigativa, i militari sono venuti a conoscenza dell’organizzazione di un vero e proprio “summit” tra le due famiglie rivali, durante il quale si sarebbe dovuto svolgere il c.d. “processo degli zingari”, con il giudizio degli anziani sul comportamento dei rapinatori. L’incontro, al quale hanno partecipato circa una trentina di nomadi, si è svolto in un ristorante di via Rocca Cencia, prenotato interamente per la circostanza e per allontanare occhi indiscreti e Forze di Polizia. I Carabinieri, in abiti civili e con autovetture di copertura, hanno osservato l’arrivo di tutti gli esponenti delle famiglie e, dopo aver notato anche la presenza dei quattro rapinatori “pronti per essere processati alla zingaresca”, hanno fatto scattare il blitz all’interno del ristorante.
I quattro autori della rapina, due maggiorenni quarantenni e due minori rispettivamente di 16 e 17 anni, sono stati arrestati e tradotti i primi due presso il carcere di Roma Regina Colei e i due minorenni presso un centro di prima accoglienza, risponderanno di rapina aggravata, lesioni personali, porto abusivo di oggetti atti ad offendere, danneggiamento aggravato.

Roma: carabinieri interrompono “summit” di nomadi e trovano rapinatori

ROMA 08 Ottobre 2010 – I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Frascati hanno arrestato 4 nomadi stanziali di origini slave, due maggiorenni e due minorenni, irreperibili da due settimane, responsabili di aver rapinato un esponente di un’altra famiglia nomade lo scorso 24 settembre.
Lo scorso 22 settembre 2010, per cause in corso di accertamento, scoppiò una violenta rissa, tra due fazioni opposte di nomadi di origini slave stanziatesi nella periferia Sud della Capitale, alla quale parteciparono una decina di persone. Soltanto due giorni dopo, 4 persone eseguirono un “vero e proprio agguato” nei confronti di un esponente della famiglia rivale: dopo aver speronato la sua autovettura lo colpirono violentemente con mazze di ferro e asportarono alla moglie la somma di circa 7mila euro in contanti. Nei giorni successivi la “faida” proseguì con l’incendio di alcune autovetture della famiglia già vittima della rapina.
Subito le indagini dei Carabinieri, che si sono messi sulle tracce degli autori della rapina del 24 settembre, per mettere fine all’ ”escalation di violenza”. Nella giornata di ieri, durante l’attività investigativa, i militari sono venuti a conoscenza dell’organizzazione di un vero e proprio “summit” tra le due famiglie rivali, durante il quale si sarebbe dovuto svolgere il c.d. “processo degli zingari”, con il giudizio degli anziani sul comportamento dei rapinatori. L’incontro, al quale hanno partecipato circa una trentina di nomadi, si è svolto in un ristorante di via Rocca Cencia, prenotato interamente per la circostanza e per allontanare occhi indiscreti e Forze di Polizia. I Carabinieri, in abiti civili e con autovetture di copertura, hanno osservato l’arrivo di tutti gli esponenti delle famiglie e, dopo aver notato anche la presenza dei quattro rapinatori “pronti per essere processati alla zingaresca”, hanno fatto scattare il blitz all’interno del ristorante.
I quattro autori della rapina, due maggiorenni quarantenni e due minori rispettivamente di 16 e 17 anni, sono stati arrestati e tradotti i primi due presso il carcere di Roma Regina Colei e i due minorenni presso un centro di prima accoglienza, risponderanno di rapina aggravata, lesioni personali, porto abusivo di oggetti atti ad offendere, danneggiamento aggravato.

Roma: rapinavano prostitute, blitz dei carabinieri di Frascati

ROMA 09 Settembre 2010 – La scorsa notte, sulla via Prenestina, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Frascati hanno arrestato una banda di malviventi, composta da tre cittadini romeni, mentre tentavano di rapinare, armati di taglierino, due prostitute. I militari nei giorni scorsi hanno eseguito una serie di servizi di osservazione, in abiti borghesi e con autovetture di copertura, con lo scopo di osservare i movimenti della “banda”. Questa notte i Carabinieri, appostati, hanno notato l’autovettura con la quale si muovevano i tre romeni, rispettivamente di 24, 25 e 26 anni, che ha avvicinato alcune prostitute di colore. In particolare, due dei tre giovani, sono scesi dall’autovettura e, con la minaccia di un taglierino puntato dietro la schiena delle donne, hanno tentato di farsi consegnare i guadagni della serata dalle due meretrici di colore, terrorizzate. A questo punto è scattato il blitz: i militari hanno bloccato immediatamente uno dei tre giovani, riuscendo a fermare anche gli altri due, dopo un breve inseguimento, sulla via Casilina. Le giovani prostitute, “salvate”, sono state comunque multate in base all’ordinanza contro il fenomeno della prostituzione emanata dal Comune di Roma, mentre i tre arrestati saranno processati con rito direttissimo con l’accusa di tentata rapina aggravata dall’uso delle armi in concorso.