Archivi tag: CIMIC

Missione in Kosovo: MSU collabora con la S.V.A.U. in Kosovo

I carabinieri della MSU nella missione in Kosovo hanno collaborato con l’associazione SVAU.

Dal 28 al 31 ottobre 2018, il team CIMIC del Reggimento carabinieri MSU (Multinational Specialized Unit) di Pristina, ha collaborato, in una serie di attività nel territorio della  missione in  Kosovo, con l’associazione S.V.A.U soccorritori volontari aiuti umanitari, gruppo di volontari fondata nel 2010 con varie esperienze nel volontariato e negli aiuti medico-umanitari, con sede a Civitanova Marche (MC).

CIMIC è l’acronimo che indica la Civil Military Cooperation, una funzione operativa che presiede all’interazione tra le forze militari e le componenti civili presenti nelle aree di crisi.

Il team CIMIC di MSU è composto da personale specializzato che s’interfaccia quotidianamente con i numerosi attori, militari e civili, governativi e non, nelle zone di operazioni.

Durante i giorni di attività la S.V.A.U. ha installato 4 posti medici avanzati nelle municipalità di Gracanica, Mitrovica, Gnjilane e Pristina, dove sono state effettuate circa 300 visite mediche, grazie alle quali i dottori e gli infermieri della citata associazione hanno potuto prestare assistenza a cittadini del kosovo che vivono in condizioni di estrema povertà.

L’assistenza alla popolazione locale è stata fornita da personale sanitario con diverse specializzazioni come ortopedia, chirurgia d’emergenza, anestesista e oncologo-radioterapista.

La risposta della popolazione è stata estremamente positiva e molto apprezzata sia dai kosovari di etnia albanese che da quelli di etnia serba, che auspicano un ritorno in Kosovo dei volontari dell’associazione  S.V.A.U. nel primo semestre dell’anno 2019

Inoltre, nell’ambito della stessa iniziativa, in stretta collaborazione con la Croce Rossa kosovara di Pristina, sono stati distribuiti dei beni di prima necessità, quali viveri, medicinali, prodotti per l’igiene, oggetti di vestiario, materiale didattico e giocattoli reperiti in Italia.

Queste donazioni sono state effettuate nelle medesime municipalità di Gracanica, Mitrovica, Gnjilane e Pristina, in favore di ospedali civili, istituti per disabili, istituti scolastici, centri di protezione per donne e minori nonché della stessa Croce Rossa di Pristina.

 

 

 

Kosovo: cooperazione italiana, la "Festa del Sorriso" fa il bis

Kosovo: cooperazione italiana, la "Festa del Sorriso" fa il bis BELO POLJE 25 Marzo 2010 – Dopo il loro primo gesto di solidarietà, che li ha visti impegnati dal 13 al 18 gennaio anche nell’incontrare i vari sindaci locali per raccogliere le esigenze di tutte le municipalità del Kosovo occidentale, area in cui opera il Multinational Battle Group West a guida italiana, il dottor Giuseppe Alabastro ed il suo staff sono tornati ad operare a favore delle istituzioni e della popolazione del Kosovo.

Infatti, la NGO italiana “Centro Ricerche e Studi Protezione e Difesa Civile” del Comitato “Festa del Sorriso” di Casacalenda (CB), insieme alla Cooperazione Civile e Militare (CIMIC) italiana in Kosovo, ha condotto diverse attività negli ultimi giorni.

In particolare, il 18 marzo sono stati donati 10 kit completi anti-infortunistica alla municipalità di Klina. Il 19 marzo ad Istok, è stato donato un ecografo (valore circa 300.000 €) presso l’ospedale locale della municipalità. Lo stesso giorno, su suggerimento del Dottor Giuseppe Alabastro, il primario del reparto di ginecologia dell’ospedale di Istok/Istog, ha promosso una giornata gratuita di prevenzione per la donna, offrendo tale disponibilità a tutte le donne. Successivamente il 20 marzo presso l’ospedale della municipalità di Decane è stato donato un elettrocardiografo computerizzato portatile. Inoltre, dal 18 al 24 marzo sono stati donati ancora svariati capi di vestiario nuovi e diverso materiale di cancelleria alla popolazione ed alle scuole delle municipalità di Pec/Peja, Klina, Giacova e Decane.

Non solo donazioni, ma anche attività educative e di prevenzione. Infatti, grazie agli eccellenti rapporti del CIMIC italiano con le amministrazioni locali e le istituzioni in Kosovo, dal 19 al 23 marzo la NGO ha potuto offrire oltre 50 visite pediatriche nelle municipalità di Pec/Peja, Istok/Istog e Klina, nonché un programma di lezioni in lingua albanese e serba sull’educazione ambientale nelle scuole di Klina, Pec/Peja e Goradzevac.

La amministrazioni locali, gli ospedali, le scuole e tutta la popolazione hanno espresso grande gratitudine per le donazioni ricevute, in quanto hanno incontrato bisogni specifici riscontrati durante la precedente visita della NGO. Il successo maggiore è stato conseguito grazie alle attività di prevenzione ed educazione, attraverso cui il CIMIC italiano ha creato occasioni per sviluppare opportunità di incontro e di dialogo tra le diverse etnie della regione, mentre il comitato “Festa del Sorriso” ha creato un ponte tra le istituzioni locali e la provincia di Campobasso.

Kosovo: cooperazione italiana, la “Festa del Sorriso” fa il bis

Kosovo: cooperazione italiana, la "Festa del Sorriso" fa il bis BELO POLJE 25 Marzo 2010 – Dopo il loro primo gesto di solidarietà, che li ha visti impegnati dal 13 al 18 gennaio anche nell’incontrare i vari sindaci locali per raccogliere le esigenze di tutte le municipalità del Kosovo occidentale, area in cui opera il Multinational Battle Group West a guida italiana, il dottor Giuseppe Alabastro ed il suo staff sono tornati ad operare a favore delle istituzioni e della popolazione del Kosovo.

Infatti, la NGO italiana “Centro Ricerche e Studi Protezione e Difesa Civile” del Comitato “Festa del Sorriso” di Casacalenda (CB), insieme alla Cooperazione Civile e Militare (CIMIC) italiana in Kosovo, ha condotto diverse attività negli ultimi giorni.

In particolare, il 18 marzo sono stati donati 10 kit completi anti-infortunistica alla municipalità di Klina. Il 19 marzo ad Istok, è stato donato un ecografo (valore circa 300.000 €) presso l’ospedale locale della municipalità. Lo stesso giorno, su suggerimento del Dottor Giuseppe Alabastro, il primario del reparto di ginecologia dell’ospedale di Istok/Istog, ha promosso una giornata gratuita di prevenzione per la donna, offrendo tale disponibilità a tutte le donne. Successivamente il 20 marzo presso l’ospedale della municipalità di Decane è stato donato un elettrocardiografo computerizzato portatile. Inoltre, dal 18 al 24 marzo sono stati donati ancora svariati capi di vestiario nuovi e diverso materiale di cancelleria alla popolazione ed alle scuole delle municipalità di Pec/Peja, Klina, Giacova e Decane.

Non solo donazioni, ma anche attività educative e di prevenzione. Infatti, grazie agli eccellenti rapporti del CIMIC italiano con le amministrazioni locali e le istituzioni in Kosovo, dal 19 al 23 marzo la NGO ha potuto offrire oltre 50 visite pediatriche nelle municipalità di Pec/Peja, Istok/Istog e Klina, nonché un programma di lezioni in lingua albanese e serba sull’educazione ambientale nelle scuole di Klina, Pec/Peja e Goradzevac.

La amministrazioni locali, gli ospedali, le scuole e tutta la popolazione hanno espresso grande gratitudine per le donazioni ricevute, in quanto hanno incontrato bisogni specifici riscontrati durante la precedente visita della NGO. Il successo maggiore è stato conseguito grazie alle attività di prevenzione ed educazione, attraverso cui il CIMIC italiano ha creato occasioni per sviluppare opportunità di incontro e di dialogo tra le diverse etnie della regione, mentre il comitato “Festa del Sorriso” ha creato un ponte tra le istituzioni locali e la provincia di Campobasso.