Archivi tag: Colosseo

Europride: sventati blitz anticorteo

ROMA 11 Giugno 2011 – Sono due le contromanifestazioni sventate dagli uomini della Questura nel corso del pomeriggio odierno, in concomitanza con la manifestazione Europride che , partita alle ore 16 da castro pretorio, si è conclusa intorno alle ore 20 al Circo massimo dove e tutt’ora in corso l’esibizione musicale di alcuni artisti.

In particolare, intorno alle ore 18,30, dall’ultimo anello del Colosseo è stato esposto per pochi secondi uno striscione recante scritta “Forza Nuova Roma Capitale della tradizione”.

Il tempestivo intervento di personale della Digos e degli addetti alla vigilanza del monumento ha consentito l’immediata rimozione dello striscione ed il fermo di 5 persone gravitanti nell’ambito degli ambienti di Forza Nuova, ed in corso di identificazione.

Da quanto emerso, nelle ore antecedenti l’orario di chiusura dello storico monumento capitolino si erano introdotti all’interno dopo aver acquistato regolarmente il biglietto d’ingresso, confondendosi tra i turisti. Gli stessi saranno denunciati dalla Digos per manifestazione non preavvisata.

Un secondo tentativo di contromanifestazione è stato intercettato dal personale in borghese della Questura in piazza di Porta Metronia, dove un gruppo di circa 15 persone si era radunato, munito di caschi e di uno striscione recante la scritta “Foro 753 Circolo Farenheit”.

Alla vista degli agenti il gruppo si è dileguato. Uno dei componenti è stato tuttavia bloccato. Per lui, a conclusione delle procedure di identificazione scatterà la denuncia per

manifestazione non preavvisata e per travisamento in occasione di manifestazioni pubbliche

Per prevenire controiniziative la Questura aveva messo in campo agenti in borghese impegnati nella attuazione di servizi discreti in diversi punti della città ritenuti più a rischio.

 

Passante si improvvisa reporter e fa arrestare ladro

ROMA – Un romano di 47 anni, già con precedenti, è stato arrestato dai Carabinieri Motociclisti del Nucleo Radiomobile di Roma per un furto compiuto su un’auto in sosta in via Degli Annibaldi. A dare l’allarme al 112 dei Carabinieri è stato un passante che ha fotografato la sequenza del furto. L’improvvisato reporter stava passeggiando su via Vittorino da Feltre, di rientro dal Colosseo, quando ha notato gli strani movimenti di un uomo che si aggirava con fare sospetto tra le auto in sosta nella strada sottostante. Ha deciso così di seguire i suoi movimenti e di fotografarlo con il telefonino. Quando il ladro è entrato in azione rompendo il deflettore di una delle auto adocchiate, una Peugeot 205, ha chiamato i Carabinieri. Sul posto è immediatamente giunta una pattuglia composta da due Carabinieri Motociclisti del Nucleo Radiomobile di Roma che grazie alle foto realizzate dal turista sono riusciti ad incastrare il topo d’auto che stava per allontanarsi: si tratta di un romano già noto alle forze dell’ordine per questo tipo di reati. Alcuni oggetti di valore asportati dall’auto sono stati recuperati e restituiti al proprietario. L’arrestato è stato già processato per direttissima e condannato  dal Tribunale a mesi 4 di reclusione e sottoposto alla misura dell’obbligo di firma in caserma.

 

La sequenza delle foto:

 

 

 

Roma: vino con sonnifero, muore turista americano

ROMA 11 Dicembre 2010 – Selezionavano le vittime, principalmente turisti stranieri, e con fare amichevole li approcciavano.
Una volta guadagnata la loro fiducia li portavano a passeggiare nei pressi del Parco di Colle Oppio ed offrivano loro del vino contenente del sonnifero. Quando le vittime perdevano i sensi, agivano indisturbati, derubandola di tutto.
Ma l’ultima volta il giochino ha avuto un epilogo drammatico: un turista americano è rimasto ucciso dal potente sonnifero.
Gli agenti del Commissariato Celio, diretto dalla dr.ssa Tiziana Lorenzo, al termine di una indagine complessa, hanno tratto in arresto due persone. Una terza, identificata, è attualmente ricercata.
Il loro “modus operandi” era sempre lo stesso. Le vittime erano principalmente turisti stranieri.
L’approccio iniziava in modo amichevole e si concludeva con una passeggiata appartata nei pressi del Parco di Colle Oppio. Poi al malcapitato veniva offerto del vino contenente sonnifero alla ” benzodiazepine”. Così la vittima perdeva i sensi.
A quel punto i due potevano agire indisturbati, derubando il malcapitato di tutti i suoi averi. Al risveglio le persone non erano in grado di ricordare l’accaduto.
Il 13 novembre però lo scenario si è complicato. Nel Parco di Colle Oppio gli agenti hanno infatti trovato il cadavere di un turista statunitense.
La vittima, rimasta senza identità per quasi dieci ore, è stata poi identificata nella tarda serata di quello stesso giorno dagli agenti del Commissariato Celio. Anche in questo caso era stata derubata di tutti gli averi.
Di fronte all’ennesimo episodio, sfociato nella morte della vittima, gli investigatori del Commissariato Celio hanno iniziato ad ipotizzare una pista “seriale”, mettendo in correlazione tutti gli episodi denunciati.
A coincidere erano infatti la zona, le modalità di approccio e l’esito “dell’adescamento”.
A questo punto gli investigatori hanno messo in atto un piano basato su appostamenti in vari punti della zona, in cui ha giocato un importante ruolo la collaborazione dei commercianti e degli altri frequentatori abituali della zona, fino a sorprendere dopo alcune sere 2 persone, poi identificati per cittadini rumeni ed egiziani.
In particolare, i due sono stati bloccati nei pressi di un locale della zona generalmente frequentato da turisti con una bottiglia contenente del vino, che tentavano di offrire a diversi turisti stranieri.
Ad attirare l’attenzione degli agenti è stato un dettaglio: i due non bevevano mai dalla bottiglia.
La stessa bottiglia era stata nascosta in una fioriera nei pressi di un locale nei pressi del Colosseo, verosimilmente in attesa di essere recuperata una volta “agganciata” l’ennesima vittima all’interno del locale nel quale i due trascorrevano la serata.
Dopo qualche ora la conferma dei sospetti degli agenti. I due sono infatti usciti dal locale in compagnia di un turista svizzero al quale hanno fatto bere il vino contenuto nella bottiglia. Pochi minuti e la vittima ha iniziato a barcollare visibilmente, fino ad essere “scortato” dai due verso il parco di Colle Oppio lì mentre uno dei due faceva da palo, l’altro “si preoccupava” di sottrarre gli effetti personali alla vittima. A questo punto i due sono stati però bloccati dagli agenti del Commissariato ed arrestati per rapina aggravata in concorso. Un terzo soggetto è stato identificato ed è attualmente ricercato
La vittima veniva soccorsa dai sanitari che gli diagnosticavano un’intossicazione da benzodiazepine. Durante la perquisizione personale, effettuata nell’immediatezza dei fatti i due venivano trovati in possesso di alcune gocce di un sonnifero a base della stessa sostanza, cellulari provento di furto e denaro contante.
Oltre al sonnifero sono stati sequestrati anche i due bicchieri e la bottiglia utilizzati per somministrare alla vittima la bevanda alcolica alterata.
Nel corso delle indagini, coordinate dal Sostituto Procuratore dr. Marcello Monteleone presso la Procura della Repubblica di Roma, si è rivelata preziosa la collaborazione dei commercianti della zona. Grazie al monitoraggio delle presenze abituali della zona, sono riusciti infatti a segnalare in più occasioni agli agenti del Commissariato persone “nuove”. Proprio grazie ad una di queste segnalazioni, ed ai successivi sviluppi investigativi, gli investigatori sono riusciti ad “agganciare” i due arrestati.
Sono circa 50 i casi al vaglio degli investigatori.