Archivi tag: Enel

Maltempo a Roma: raggiunte famiglie isolate e salvato un nigeriano quasi assiderato

ALTIPIANI DI ARCINAZZO – CARABINIERI A BORDO DI UN TRATTORE RAGGIUNGONO 3 FAMIGLIE RIMASTE ISOLATE IN UN RESIDENCE A CAUSA DELLA NEVE.

SALVATO ANCHE UN CITTADINO NIGERIANO TROVATO LUNGO LA STRADA QUASI ASSIDERATO.

ALTIPIANI DI ARCINAZZO (RM) o6 Febbraio 2012  – Ieri sera, ad Arcinazzo Romano, i Carabinieri della Stazione di Affile, insieme ad alcuni volontari del posto, sono riusciti a raggiungere a bordo di un trattore una zona isolata degli Altipiani di Arcinazzo dove 3 nuclei familiari, da tre giorni, erano rimasti intrappolati in un residence, ubicato in via Monte Altuino, a causa delle abbondanti nevicate del fine settimana. Per avvicinarsi alle loro abitazioni, i Carabinieri e i volontari hanno impiegato 4 ore, durante le quali, con ai piedi ciaspole da neve, con una motosega, hanno dovuto tagliare gli alberi caduti in strada che ostruivano il passaggio. Non solo: lungo la strada, al buio e a una temperatura di -10°, hanno salvato, quasi assiderato, un uomo di origini nigeriane di 40 anni che era uscito a piedi dal residence alla ricerca di cibo per sé e per gli altri. Tutte le persone soccorse sono state accompagnate al sicuro e al caldo presso un’altra struttura alberghiera della zona.

I Comuni ad est della capitale, San Gregorio da Sassola, San Polo dei Cavalieri, Marcellina, Cineto Romano, Licenza, Roccagiovine, Sant’Angelo Romano e Vicovaro sono tra i più colpiti e con gravi disagi dovuti all’interruzione della viabilità, al danneggiamento della rete elettrica e del servizio idrico.  Giorno e notte i Carabinieri  stanno ricevendo, al numero di emergenza 112, diverse richieste di soccorso da parte di cittadini isolati nelle proprie abitazioni, rimasti anche senza cibo né medicinali, alcuni  dei quali bisognevoli di urgenti cure.  Con l’aiuto del personale della protezione civile, squadre dell’Enel e dell’Acea, i militari hanno soddisfatto tutte le richieste d’aiuto dando priorità ai casi più urgenti: anziani e  malati.

In particolare, presso una casa di cura di Cineto Romano sono stati soccorsi 120 degenti, alcuni dei quali con gravi handicap, e personale sanitario, rimasti tutta la notte senza energia elettrica a causa della rottura del generatore di corrente. L’intervento dei soccorsi ha portato, in breve tempo, la situazione alla normalità.

A Roccagiovine, i Carabinieri sono intervenuti preso l’abitazione di un 78enne, paziente in dialisi, in condizioni di assoluta emergenza. Con l’intervento del personale sanitario dell’Ospedale di Tivoli, l’anziano è stato immediatamente trasportato presso il luogo di cura.

 

Polizia cattura usuraio

polizia catania Catania martedì 24 novembre 2009 – Ieri, agenti del Commissariato di P.S. San Cristoforo, nell’ambito di un mirato servizio, coordinato e abilmente diretto dal dirigente, vice questore dott. Giuseppe Di Mauro, hanno arrestato Orazio Castiglia, nato a Catania nel 1963, pregiudicato per il reato di usura e furto aggravato, titolare di un autolavaggio sito in Via Della Concordia, con l’accusa di furto aggravato di energia elettrica ai danni dell’Enel.
In particolare, personale tecnico dell’Enel ha constatato l’effettiva frode, avvenuta con la manomissione del dispositivo contatore, il quale sebbene cessato dal funzionamento, continuava ad erogare corrente, superiore a quella erogata prima della predetta cessazione.
Il Castiglia era da tempo tenuto d’occhio dal personale del “San Cristoforo” poiché nel corso di sopralluoghi erano stati rivenuti droga armi e munizionamento.
L’area in cui è installato il lavaggio è immensa: circa un ettaro e mezzo, quindi non era stato possibile addebitare il possesso dei corpi di reato. Gi operatori di polizia non potendo dimostrare l’appartenenza di quanto rinvenuto al proprietario del lavaggio si sono limitati a repertare tutto ciò che era stato rinvenuto e trasmettere droga e armamenti all’autorità giudiziaria accompagnati da un verbale di denuncia a carico di ignoti. Le indagini e i controlli sono proseguiti e ieri l’epilogo.
L’arrestato, su disposizione della competente autorità giudiziaria., è stato tradotto presso il carcere di “Piazza Lanza”.