Archivi tag: evasione fiscale

Evasione fiscale scoperta dalla Guardia di Finanza iblea

RAGUSA 14 Giugno 2011 – La quotidiana lotta condotta dalla Guardia di Finanza di Ragusa contro l’evasione fiscale ha permesso ai militari del Nucleo di Polizia Tributaria di constatare violazioni amministrative per circa 2,5 milioni dieuro.

In particolare, le verifiche condotte nei confronti di una società vittoriese e di una cooperativa di Comiso, entrambe operanti nel trasporto su strada di prodotti ortofrutticoli, ha portato alla scoperta di cospicui redditi sottratti al fisco.

Utilizzando fatture per operazioni inesistenti emesse da una ditta compiacente, negli anni 2006 e 2007 la società ipparina ha infatti contabilizzato costi fittizi per quasi 1,2 milioni di euro, abbattendo indebitamente il proprio reddito e non pagando le relative imposte.

La cooperativa comisana ha invece omesso di dichiarare nel 2009 redditi per oltre 400.000 euro ed IVA per quasi 200.000, “dimenticando” altresì di versare, relativamente alle vendite regolarmente annotate, circa 650.000 euro di Imposte sul Valore Aggiunto.

Il settore dell’autotrasporto è sottoposto da parte della Guardia di Finanza ad un continuo monitoraggio in quanto è particolarmente delicato e funzionale alle attività di maggior rilievo della provincia.

Tali violazioni amministrative sono state concordate con l’Agenzia delle Entrate, che provvederà alle relative conseguenti procedure, mentre i rappresentanti legali delle due imprese sono stati denunciati alla competente Autorità Giudiziaria per violazione delle vigenti norme penali-tributarie (Decreto Legislativo nr.74 del 2000).


 

Catania: evasione fiscale milionaria di un noto locale di Acireale

CATANIA 03 Settembre 2010 – I militari della Tenenza di Acireale hanno scoperto un’evasione fiscale milionaria perpetrata da un’associazione attiva nel settore dell’intrattenimento.
L’associazione in questione non aveva mai presentato le dichiarazioni dei redditi in quanto formalmente non svolgeva attività commerciale. Le indagini dei finanzieri hanno permesso di raccogliere tutti gli elementi che invece hanno inquadrato l’attività del locale come attività commerciale e quindi finalizzata a produrre reddito.
Svolgendo poi complesse indagini finanziarie sui conti correnti dei rappresentanti e dell’Associazione stessa, sono stati individuati quasi un milione e mezzo di euro sottratti a tassazione in diversi periodi d’imposta.
Avendo poi appurato il superamento delle soglie di punibilità previste per legge è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Catania il rappresentante legale per il reato di cui all’art 5 del dlgs 74/2000 (omessa dichiarazione).

Riposto: le fiamme gialle scoprono evasione fiscale

RIPOSTO 02 Settembre 2010 – L’attività della Compagnia di Riposto continua a raccogliere pregevoli risultati a testimonianza del fatto che anche nel versante ionico etneo si rilevano importanti fenomeni di evasione fiscale. L’attività investigativa di natura tributaria eseguita dalle Fiamme gialle ripostesi ha permesso di scoprire un dispositivo, messo in atto da un imprenditore edile, idoneo a far registrare una evasione fiscale di livello elevato. L’attività di verifica fiscale, scaturita dalla attività di intelligence, ha messo in luce l’omessa dichiarazione dei redditi da parte di un imprenditore che opera nel settore delle costruzioni edili.
L’imprenditore pur avendo presentato la prescritta dichiarazione evidenziava un volume di affari pari a zero, tale inadempienza, ha permesso all’imprenditore di sottrarre all’imposizione fiscale ricavi per un ammontare di oltre 1.200.000 euro, e quindi, l’omesso versamento in termini di imposte dovute all’erario di circa 127.000 euro. Il risultato ottenuto può rientrare tra quelli più importanti, tenuto anche conto della media dei livelli di volumi d’affari raggiunto dalle imprese nella provincia etnea.
È appena il caso ricordare, come questa particolare attività ispettiva si è conclusa, con importanti risultati, nonostante l’attuale periodo di ferie a testimonianza dell’incessante impegno che il Corpo riserva nella lotta all’evasione fiscale e al crimine economico. L’impegno profuso trova riscontro altresì, nelle diverse attività repressive avviate dalla Compagnia che hanno consentito il raggiungimento di prestigiosi risultati in materia di contrasto al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, nonché nel settore di contrasto al fenomeno della contraffazione di marchi.