Archivi tag: Generale di Brigata Antonio De Vita

Carabinieri nelle scuole per prevenire le insidie del web

Roma, 06 Nov. 2017 – Questa mattina, il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Roma, Generale di Brigata Antonio de Vita, ha voluto complimentarsi con i Carabinieri della Stazione di Roma Tor Sapienza, per la brillante indagine che ha consentito di arrestare, in tempi brevi, i due responsabili della violenza sessuale subita dalle due ragazze minorenni, denunciata dai genitori.

Nel corso dell’incontro, avvenuto questa mattina nella caserma di piazza S. Lorenzo in Lucina, il Generale de Vita ha sottolineato l’importanza di aver dato una risposta immediata a un atto orribile, assicurando alla giustizia i responsabili con una indagine silenziosa ma efficace; allo stesso tempo, rivolgendosi ai responsabili delle articolazioni del Comando Provinciale dei Carabinieri di Roma presenti all’incontro, ha esortato tutti i Comandi dell’Arma sul territorio a proseguire nell’attiva azione di conoscenza dei pericoli del web a cui i giovani ed in particolare i minori possono venire incontro.

 

Si tratta di un’iniziativa a cui partecipano le 174 Stazioni Carabinieri di Roma e Provincia, capillarmente distribuite sul territorio, che costituiscono l’espressione più diretta dell’Istituzione, quella prossima ai cittadini e che hanno un ruolo determinante nelle attività di prevenzione e repressione dei reati con la collaborazione dei presidi e direttori didattici degli istituti, organizzando conferenze sulla legalità nelle scuole, visite presso le caserme e specifica attività dell’Arma sul territorio, a garanzia della sicurezza degli studenti e delle famiglie.

Ai casi che vedono coinvolte vittime vulnerabili, ai reati compiuti attraverso la Rete, viene dedicata particolare attenzione sia in via preventiva che repressiva, attraverso un’efficace comunicazione nelle scuole e un continuo monitoraggio della Rete, impedendo pericolosi adescamenti, soprattutto nei confronti degli studenti minorenni.

Il Generale di Brigata Antonio De Vita è il nuovo Comandante Provinciale dei Carabinieri di Roma

Gen. Antonio De VitaRoma, 09 settembre 2016 – Il Generale di Brigata Antonio De Vita è da due giorni il nuovo Comandante Provinciale dei Carabinieri di Roma.

Nato a Palermo, 57 anni, figlio di un Appuntato dei Carabinieri, ha iniziato la carriera militare nel 1979, frequentando i corsi dell’Accademia Militare di Modena e della Scuola di Applicazione Carabinieri di Roma.

Laureato in “Giurisprudenza” e in “Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna”, ha conseguito altresì il “Master in Scienze Strategiche”, ha frequentato il Corso di “Consigliere Giuridico nelle Forze Armate”, il “Master in Studi Internazionali Strategico Militari” nonché il Corso di “Istituto Superiore Stato Maggiore Interforze” presso l’Istituto Alti Studi per la Difesa.

Ha iniziato a maturare esperienza operativa da giovanissimo Capitano al vertice della Sezione Anticrimine (R.O.S.) della Sardegna con sede a Cagliari per poi assumere il comando della Compagnia di Torino Oltre Dora.

A Napoli, al Comando del Nucleo Operativo del Comando Provinciale dal 1997 al 2001, ha diretto importanti azioni investigative quali la disarticolazione del clan Giuliano; l’operazione Sirena a Barra; contro i clan Lago e Marfella; l’arresto di Bruno Rossi ‘o corvo; contro Alleanza di Secondigliano; contro il clan Sacco-Bocchetti con arresto del super latitante Gennaro Sacco; nei Quartieri Spagnoli contro il clan Misso Tolomelli-Vastarella; contro il clan Contini (arresto in Spagna del reggente Antonio Cristiano, tra i protagonisti della faida Contini/Mazzarella); nel settore delle indagini patrimoniali con durissimi colpi ai clan Polverino e Nuvoletta.

A Torino è stato al vertice del Comando Territoriale da settembre 2003 a ottobre 2006, periodo in cui nel capoluogo piemontese si sono svolti eventi come le Olimpiadi nel 2006, l’Ostensione della Sindone e le manifestazioni, con forti momenti di tensione, contro l’Alta Velocità.

Da Comandante Provinciale di Torino, dall’11 ottobre 2006 al 30 ottobre 2011, ha voluto, avviato e coordinato le investigazioni nell’inchiesta Minotauro, che ha portato a 142 arresti e alla condanna in giudicato di oltre cento appartenenti alla ‘ndrangheta calabrese ramificatasi in Piemonte. La stessa operazione ha inoltre documentato per la prima volta la presenza e l’operosità delle mafie meridionali in Piemonte.

Dal 31 ottobre 2011 al dicembre 2013 è stato Capo Ufficio Personale Brigadieri, Appuntati e Carabinieri del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri; dal dicembre 2013 al 21 settembre 2014 Capo Ufficio del Capo di Stato Maggiore del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri.

E’ ritornato a Napoli, al vertice del Comando Provinciale, dal 22 settembre 2014 al 6 settembre 2016, dando un forte impulso alle indagini per contrastare i clan di camorra e il narcotraffico conseguendo importanti risultati con la cattura di trenta latitanti di altissimo profilo criminale quali i fratelli Cuccaro arrestati nella loro roccaforte a Barra; Valentino Gionta, Salvatore De Micco, Luigi Cimmino, Carlo Leone, Lucio Morrone, Vincenzo Capezzuto, Luigi Cuccaro, Michele Cuccaro, Vincenzo Nettuno, Pasquale Brunese, Pietro Maoloni, Salvatore Mariano e non da ultimo Umberto Accurso – clan “Vinella Grassi” – ricercato da due anni, latitante per omicidio, associazione di tipo mafioso, droga e altro. Sospettato inoltre di essere il mandante del raid contro la caserma di Secondigliano, catturato a Napoli.

Il momento più drammatico del suo incarico napoletano è stato l’omicidio di Anatolij Korov, l’uomo che il 29 agosto del 2015, durante una rapina ad un supermercato di Castello di Cisterna, nel Napoletano, fu ucciso mentre difendeva una cassiera dai malviventi. “Un eroe civile – come lo definisce il Generale De Vita- morto per difendere i valori della legalità”.

Il Generale De Vita è stato insignito delle seguenti onorificenze: Croce d’Oro per anzianità di Servizio Militare; Medaglia Mauriziana al Merito Militare di 10 Lustri; Medaglia d’oro al Merito di Lungo Comando; Medaglia NATO per servizio prestato in relazione alle operazioni nella ex-Jugoslavia; Commendatore di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.