Archivi tag: Gianluca Frinchillucci

Aiuti italiani alla Somalia: la Perigeo Onlus in pole position

ROMA 14 Ottobre 2011 – E’ giunto in Somalia il materiale sanitario inviato dalla Perigeo International People Community Onlus.

Quella effettuata dalla Perigeo è stata la prima spedizione italiana di materiale in territorio somalo da quasi vent’anni a questa parte” ha dichiarato Gianluca Frinchillucci, Direttore Generale della Perigeo e Delegato Culturale e Sanitario del Governo del Puntland “Ciò ci rende molto felici e fieri. Ci auguriamo che da questo primo passo possa iniziare una nuova era di cooperazione e collaborazione per la Somalia. Ringrazio col cuore le Istituzioni italiane e internazionali che ci hanno supportato in questi mesi di duro lavoro e che hanno creduto e credono in noi e nel nostro sogno”.

Il Ministero della Sanità del Puntland, in coordinamento con il Ministro della Sanità del TFG, si è preso carico del trasporto e della distribuzione del materiale.

Presso l’Ospedale generale del Mudug di Galkayo è già stato distribuito il materiale sanitario di prima necessità e sono stati installati i macchinari medici che consentiranno la ripresa del funzionamento di importanti reparti dell’Ospedale. In particolare, l’installazione degli unici endoscopi di tutta la Somalia, consentirà visite specialistiche in loco.

A brevissimo, materiale medico di prima necessità verrà convogliato a Mogadiscio a spese del Governo dello Stato Somalo del Puntland, grazie ai contatti con il Governo di Transizione Somalo.

La Perigeo Onlus opera nel Corno d’Africa dal 2004 ed è presente in Somalia dal 2010.

Durante la scorsa estate ha aderito all’appello del Santo Padre e della Comunità Internazionale al fine di affrontare e risolvere la gravissima crisi umanitaria che si sta consumando nel Corno d’Africa e in particolare in Somalia.

La Perigeo ha organizzato e predisposto un ponte di aiuti umanitari, coordinando una rete di enti che collaborano dall’Italia e dall’estero: Cgil Marche, Comitato per la lotta contro la fame di Forlì, Banco Farmaceutico di Milano, Caritas Somalia, CMMB – Catholic Medical Mission Board di New York.

Stiamo già organizzandoci è per l’invio di ulteriori aiuti direttamente dall’Italia” aggiunge Laura Bacalini, Direttrice dei progetti della Perigeo e coordinatrice dell’emergenza umanitaria per il Corno D’Africa. “Ci stiamo dunque orientando per utilizzare i fondi a disposizione per l’acquisto di medicinali e derrate alimentari in loco a Mogadiscio e di apparecchiature sanitarie per Galkayo, proseguendo la differenziazione dell’intervento in base al contesto di azione e alle necessità in loco”.

Chiunque volesse sostenere le attività della Perigeo può contattare il numero 334.8434719 o via mail all’indirizzo progetti@perigeo.org”.

 

Emergenza Somalia, l'appello della Perigeo Onlus

In questi ultimi giorni, la Comunità Internazionale e il Santo Padre hanno lanciato numerosi appelli affinché venga affrontata e risolta la gravissima crisi umanitaria che si sta consumando nel Corno d’Africa ed in particolare in Somalia.

Proprio in quel Paese, le Nazioni Unite hanno dichiarato lo stato di carestia, provocato nel tempo dalla combinazione letale di instabilità politica, siccità e aumento dei prezzi delle derrate alimentari. Il tasso di malnutrizione in molte zone supera il 50%. Sono oltre 2 milioni quelli che soffrono le conseguenze più terribili della grave crisi alimentare e per 1 milione di loro c’è il rischio concreto di morte per fame.

In più, secondo le stime, le ripercussioni della carestia stanno interessando indirettamente 11,5 milioni di persone in tutto il Corno d’Africa.

L’Associazione Perigeo International Onlus, attiva nel Corno d’Africa dal 2004 e in Somalia dal 2010, sta coordinando l’invio di aiuti umanitari destinati alle strutture sanitarie somale.

“Dagli ospedali ci arrivano quotidianamente allarmi per la fine delle scorte di medicinali” ha affermato il direttore della Perigeo Gianluca Frinchillucci, delegato sanitario del Puntland Somalo per le relazioni con l’Italia e l’Europa “e le carenti strutture ospedaliere locali non riescono più a sostenere l’arrivo massiccio di disperati ogni giorno. Noi stiamo per inviare un container carico di medicinali, apparecchiature mediche e beni di prima necessità che invieremo in Puntland entro pochi giorni. Finora abbiamo ricevuto l’aiuto generoso della CGIL Marche per questo intervento umanitario ma stiamo già organizzando l’invio di altri container e abbiamo bisogno della generosità di tutti, cittadini e istituzioni marchigiane e nazionali”.

L’appello del direttore della Perigeo giunge poco dopo la recente visita in Somalia del sottosegretario Mantica, con la quale l’Italia ha inaugurato una nuova fase di relazioni e interventi a sostegno della Somalia e del Puntland somalo: “Gli aiuti arriveranno all’Ospedale De Martino di Mogadiscio e al Mudug General Hospital di Galkayo”, continua Frinchillucci, “I Somali si definiscono ancora nostri fratelli e continuano a credere nel legame che unisce il nostro popolo al loro. Mi auguro che da tutti venga accolto questo grido di aiuto”.

 

Emergenza Somalia, l’appello della Perigeo Onlus

In questi ultimi giorni, la Comunità Internazionale e il Santo Padre hanno lanciato numerosi appelli affinché venga affrontata e risolta la gravissima crisi umanitaria che si sta consumando nel Corno d’Africa ed in particolare in Somalia.

Proprio in quel Paese, le Nazioni Unite hanno dichiarato lo stato di carestia, provocato nel tempo dalla combinazione letale di instabilità politica, siccità e aumento dei prezzi delle derrate alimentari. Il tasso di malnutrizione in molte zone supera il 50%. Sono oltre 2 milioni quelli che soffrono le conseguenze più terribili della grave crisi alimentare e per 1 milione di loro c’è il rischio concreto di morte per fame.

In più, secondo le stime, le ripercussioni della carestia stanno interessando indirettamente 11,5 milioni di persone in tutto il Corno d’Africa.

L’Associazione Perigeo International Onlus, attiva nel Corno d’Africa dal 2004 e in Somalia dal 2010, sta coordinando l’invio di aiuti umanitari destinati alle strutture sanitarie somale.

“Dagli ospedali ci arrivano quotidianamente allarmi per la fine delle scorte di medicinali” ha affermato il direttore della Perigeo Gianluca Frinchillucci, delegato sanitario del Puntland Somalo per le relazioni con l’Italia e l’Europa “e le carenti strutture ospedaliere locali non riescono più a sostenere l’arrivo massiccio di disperati ogni giorno. Noi stiamo per inviare un container carico di medicinali, apparecchiature mediche e beni di prima necessità che invieremo in Puntland entro pochi giorni. Finora abbiamo ricevuto l’aiuto generoso della CGIL Marche per questo intervento umanitario ma stiamo già organizzando l’invio di altri container e abbiamo bisogno della generosità di tutti, cittadini e istituzioni marchigiane e nazionali”.

L’appello del direttore della Perigeo giunge poco dopo la recente visita in Somalia del sottosegretario Mantica, con la quale l’Italia ha inaugurato una nuova fase di relazioni e interventi a sostegno della Somalia e del Puntland somalo: “Gli aiuti arriveranno all’Ospedale De Martino di Mogadiscio e al Mudug General Hospital di Galkayo”, continua Frinchillucci, “I Somali si definiscono ancora nostri fratelli e continuano a credere nel legame che unisce il nostro popolo al loro. Mi auguro che da tutti venga accolto questo grido di aiuto”.