Archivi tag: lapide

In ricordo di "Serpico", l'appuntato di Polizia assassinato dai NAR

LA QUESTURA COMMEMORA IL 33° ANNIVERSARIO DELL’UCCISIONE DELL’APPUNTATO DI P.S. FRANCESCO EVANGELISTA, VITTIMA DI UN COMMANDO TERRORISTA DEI NAR.

ROMA 28 Maggio 2013 – Ricorre oggi il 33° anniversario dell’uccisione dell’Appuntato di P.S. Francesco Evangelista, conosciuto da molti con il nome di “Serpico”, ad opera di un commando terrorista dei NAR.

Questa mattina, il Questore di Roma Dr. Fulvio della Rocca, in ricordo del poliziotto, ha deposto una corona di alloro sulla lapide all’interno del Commissariato “Porta Pia” dove prestava servizio.

Presenti alla commemorazione i familiari della vittima e le Autorità Civili e Militari.

La mattina del 28 maggio 1980, quattro terroristi dei NAR, tesero un agguato ad Evangelista di fronte al Liceo Giulio Cesare. Nonostante la reazione di due poliziotti, colleghi della vittima, “Serpico” venne raggiunto da sette colpi.

Franco Evangelista colpito a morte, lasciò la moglie e i due figli, mentre i due poliziotti che erano con lui rimasero feriti gravemente.

Evangelista si era arruolato in Polizia nel 1962 ed aveva prestato servizio al Reparto a Cavallo, alla Scuola Allievi Sottufficiali di Nettuno e alle Volanti.

Esperto di arti marziali, aveva effettuato centinaia di arresti.

Il capo del commando venne ferito ed arrestato nel 1981 a Padova dopo un conflitto a fuoco.

La sua compagna, che partecipò all’assassinio dell’Appuntato Evangelista, venne arrestata nel marzo 1982.

Un terzo componente del commando si suicidò nel maggio 1982.

In ricordo di “Serpico”, l’appuntato di Polizia assassinato dai NAR

LA QUESTURA COMMEMORA IL 33° ANNIVERSARIO DELL’UCCISIONE DELL’APPUNTATO DI P.S. FRANCESCO EVANGELISTA, VITTIMA DI UN COMMANDO TERRORISTA DEI NAR.

ROMA 28 Maggio 2013 – Ricorre oggi il 33° anniversario dell’uccisione dell’Appuntato di P.S. Francesco Evangelista, conosciuto da molti con il nome di “Serpico”, ad opera di un commando terrorista dei NAR.

Questa mattina, il Questore di Roma Dr. Fulvio della Rocca, in ricordo del poliziotto, ha deposto una corona di alloro sulla lapide all’interno del Commissariato “Porta Pia” dove prestava servizio.

Presenti alla commemorazione i familiari della vittima e le Autorità Civili e Militari.

La mattina del 28 maggio 1980, quattro terroristi dei NAR, tesero un agguato ad Evangelista di fronte al Liceo Giulio Cesare. Nonostante la reazione di due poliziotti, colleghi della vittima, “Serpico” venne raggiunto da sette colpi.

Franco Evangelista colpito a morte, lasciò la moglie e i due figli, mentre i due poliziotti che erano con lui rimasero feriti gravemente.

Evangelista si era arruolato in Polizia nel 1962 ed aveva prestato servizio al Reparto a Cavallo, alla Scuola Allievi Sottufficiali di Nettuno e alle Volanti.

Esperto di arti marziali, aveva effettuato centinaia di arresti.

Il capo del commando venne ferito ed arrestato nel 1981 a Padova dopo un conflitto a fuoco.

La sua compagna, che partecipò all’assassinio dell’Appuntato Evangelista, venne arrestata nel marzo 1982.

Un terzo componente del commando si suicidò nel maggio 1982.

Cerimonia in memoria del maresciallo di polizia Domenico Taverna

ROMA 28 Novembre 2011 – Questa mattina, il Questore Francesco Tagliente, in occasione del 32° anniversario della scomparsa del Maresciallo di Pubblica Sicurezza Domenico Taverna, medaglia d’oro al valore civile, ha deposto una corona presso il Commissariato “Appio Nuovo”.

Il 27 novembre del 1979, a Roma un commando delle Brigate Rosse uccideva sotto la sua abitazione il Maresciallo della Polizia di Stato Domenico Taverna, comandante della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato Appio Nuovo.

Due membri della colonna brigatista denominata “28 marzo”, armati di pistola, giunsero alle spalle del Maresciallo Taverna, mentre si stava recando a ritirare la sua autovettura presso un’autorimessa di via Cherso 32. I terroristi aprirono il fuoco colpendolo a morte con otto pallottole alla schiena, al torace ed alle gambe.

Le indagini della Polizia consentirono di individuare e catturare tutti i componenti del commando, che vennero poi condannati con sentenza passata in giudicato.

La cerimonia è iniziata alle ore 9.00. Il Questore Francesco Tagliente, a nome del Capo della Polizia Prefetto Antonio Manganelli, ha deposto una corona di alloro sulla lapide collocata presso il commissariato Appio Nuovo.

Alla cerimonia, insieme al dirigente del Commissariato dott.ssa Elisabetta Bozzi, erano presenti anche i rappresentanti delle Forze dell’Ordine e delle Istituzioni locali,oltre ai famigliari e colleghi della vittima.

Il Questore ha voluto ricordare il sacrificio per i valori dello Stato di Domenico Taverna, vittima del terrorismo.