Archivi tag: Libya

UN won’t accept a military solution in Libya. But war continues…

Fayez al Serraj

Roma, 6 Aprile 2019 – Diplomats at work in an attempt to stop the new civil war in Libya. Fayez al Serraj, Prime Minister of the Libyan National Accord Government (GNA) in a speech a few moments ago addressed the Libyan people talking about the efforts made for the reconstruction of Libya after the gaddafi and accused the Field Marshal Khalifa Haftar of treason. “This is a war that will have no winners,” Serraj said.

And some minutes ago, US Deputy Sec. of State Sullivan has expressed more than concern on Libya: “We are urging that the parties stand down. An incursion into Tripoli would be an exceedingly bad and dangerous move.”

The Tripoli government called on the French ambassador to protest against Paris’s support for Haftar.

This morning, the President of the Council, Giuseppe Conte, had a telephone conversation this morning with UN Secretary General Antonio Guterres.

President Giuseppe Conte



President Conte expressed his concern about the latest developments in Libya, a concern strongly shared by Guterres whorecently left the Libyan country after several meetings, including the one with Haftar.
The President Conte reiterated Italy’s strong support for the United Nations-led political transition process, considered the most effective and sustainable way to achieve the final pacification and stabilization of the country for the benefit of the entire Libyan people.

The President Conte and the Secretary General Guterres will remain in close connection in the coming days. The resumption of an effective dialogue between the parties remains the goal shared by the international community, which already in various formats – as last time in the declaration of the G7 Foreign Ministers – expressed itself in this sense.

Continua a leggere UN won’t accept a military solution in Libya. But war continues…
Annunci

Dall’intesa per la pace alla guerra. libia senza tregua.

Il comandante libico orientale Khalifa Haftar ha ordinato alle sue truppe di marciare sulla capitale Tripoli, portando il suo conflitto con il governo internazionalmente riconosciuto a un nuovo livello pericoloso.
Il segretario generale U.N. Antonio Guterres, che è a Tripoli cercando di spingere un accordo di pace internazionale, ha chiesto moderazione. Alla domanda sulla dichiarazione di Haftar, ha detto che la Libia aveva bisogno di una soluzione politica non militare.

Haftar ha dato il suo ordine in un video pubblicato online ore dopo che le sue forze hanno preso il pieno controllo di Gharyan, una città a circa 100 km (60 miglia) a sud della capitale.

Continua a leggere Dall’intesa per la pace alla guerra. libia senza tregua.

UNSMIL condanna attacco di al Fuqaha, in Libia

Tripoli, 29 ottobre 2018 – La Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL) ha condannato fermamente l’attacco mortale ad Al-Fuqaha, una città nel centro della Libia nella regione di Al-Jufra, in quello che le autorità locali dicono essere un brutale atto di vendetta condotto dall’ISIL. L’attacco della domenica ha provocato la morte di quattro civili – due dei quali sono stati giustiziati in pubblico e almeno nove rapiti.

La Missione esprime le sue condoglianze alle famiglie delle vittime e chiede l’immediata liberazione dei rapiti e il loro ritorno sicuro alle loro famiglie. Ricorda alle parti in conflitto il loro obbligo di proteggere i civili e li invita a cessare immediatamente di colpire civili e oggetti civili in conformità con il Diritto Internazionale Umanitario.

L’UNSMIL è profondamente preoccupata per la sempre più fragile situazione della sicurezza nella Libia centrale e invita i libici a mettere da parte le loro divergenze ea collaborare per sconfiggere la minaccia terroristica che mette in pericolo la stabilità e la sicurezza del loro paese.

L’area di Al-Fuqaha nella municipalità di Jufra è stata attaccata da un gruppo di militanti dell’ISIS domenica scorsa.
“Membri dell’ISIS hanno attaccato la stazione di polizia e sequestrato diversi poliziotti, hanno anche ucciso altre quattro persone, tra cui il figlio del capo del ramo municipale di Al-Fuqaha”, ha rivelato il Consiglio comunale di Jufra su Facebook.
Il Consiglio ha chiarito che gli aggressori hanno ritirato a bordo 25 veicoli armati, che hanno usato nell’attacco per circa due ore, aggiungendo che gli aggressori hanno terrorizzato i civili e bruciato diverse case, hanno anche preso un certo numero di giovani dalla città e ucciso altri .
Il comune di Jufra ha dichiarato un tre giorni di lutto per l’attacco, affermando che le situazioni all’interno di Fuqaha sono diventate catastrofiche a causa dell’attacco.
Nonostante la sconfitta dell’ISIS a Sirte nel dicembre 2016 da parte delle forze di Al-Bunyan Al-Marsous, sono stati segnalati movimenti sospetti di elementi ISIS in diverse aree a sud di Sirte, incluse località vicino ai pozzi petroliferi di Jufra e nelle montagne di Al-Haruj , oltre alle zone di montagna nelle vicinanze della città di Bani Walid.