Archivi tag: maltrattamenti

Maltrattamenti in famiglia: carabinieri arrestano marocchino

ROMA 13 Maggio 2011 – Un ennesimo episodio di maltrattamenti in famiglia è stato registrato, ieri, in un appartamento della Capitale. Un cittadino marocchino di 38 anni, con diversi precedenti penali, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione di Roma Monte Mario. Il tutto si è consumato nel primo pomeriggio in un appartamento nella zona della Cinquina. A seguito dell’ennesima lite familiare, scaturita da futili motivi, lo straniero ha picchiato con inaudita ferocia prima il figlio della compagna di appena 5 anni, avuto da una precedente relazione, e poi la compagna, una 38enne romana all’ultima settimana di gravidanza, che si era messa in mezzo per fermarlo. Il piccolo subito dopo la violenza è stato accompagnato all’Ospedale Sant’Andrea, ma viste le gravi condizioni è stato poi trasportato all’Ospedale Agostino Gemelli e trattenuto in terapia intensiva. La madre invece ormai pronta a partorire il figlio del violento compagno, a causa del forte stato di agitazione è stata portata all’Ospedale Villa San Pietro. I militari ricevuta la denuncia da parte del padre naturale del piccolo, poiché la mamma aveva omesso ai sanitari di raccontare come erano andate realmente le cose, hanno avviato indagini al termine delle quali la donna, messa alle strette, ha ammesso quanto accaduto realmente. I militari hanno bloccato il 38enne a Torvajanica, presso la Stazione Carabinieri, dove ha l’obbligo di recarsi a firmare, come stabilito dal Tribunale di Roma, dopo essere stato condannato per precedenti reati contro la persona. Visti i precedenti con la Giustizia lo straniero è stato portato prima in caserma a Roma e successivamente associato, come disposto dall’Autorità Giudiziaria, al carcere di Regina Coeli per rispondere dei reati di maltrattamenti in famiglia. Le indagini dei Carabinieri hanno potuto appurare, purtroppo, che analoghi episodi di violenza si erano verificati più volte anche in passato, infatti l’uomo ha in atto un altro procedimento per maltrattamenti.

Roma: segregata per mesi da un connazionale, giovane romena liberata dai carabinieri

ROMA 15 Settembre 2010 – Un’altra brutta storia che ha come vittima una giovane donna. Un 45enne romeno è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Prima Porta con l’accusa di maltrattamenti, lesioni, riduzione in schiavitù, sequestro di persona e violenza sessuale. L’uomo, sei mesi fa, aveva dato ospitalità ad una ragazza di 25 anni, sua connazionale appena giunta in Italia, nella sua casa di via Malegno. Da subito il 45enne ha rivolto delle strane attenzioni nei confronti della donna, fino ad arrivare a chiuderla nella sua camera da letto per tutto il giorno, lasciandola senza la possibilità di comunicare con l’esterno per chiedere aiuto e, per lunghi periodi, senza acqua e cibo. Fiaccata nel corpo, la 25enne era facile preda di ogni tipo di molestia o violenza fisica a cui l’uomo, quotidianamente, la sottoponeva. La scorsa notte i vicini di casa, che da tempo ascoltavano impotenti le urla della giovane, hanno deciso di chiamare i Carabinieri. I militari hanno bussato alla porta dell’uomo e la donna, con un ultimo sforzo, è riuscita a farsi sentire. Quando si sono fatti aprire la porta della camera da letto i Carabinieri hanno trovato la ragazza a terra, fortemente denutrita e con numerose ferite ed ecchimosi al volto e su tutto il corpo. Trasportata all’ospedale Sant’Andrea, la romena è stata ricoverata d’urgenza poiché riscontrata affetta da lesioni giudicate guaribili in 40 giorni e da un grave stato di deperimento. L’aguzzino 45enne è stato arrestato e associato al carcere di Regina Coeli.

Roma: peruviano arrestato per stalking

ROMA 05 Marzo 2010 – I Carabinieri della Compagnia di Bracciano hanno arrestato un peruviano di 40 anni per “atti persecutori” nei confronti della sua compagna di 22 anni e per “resistenza a Pubblico Ufficiale”. La donna era già da tempo che subiva i continui maltrattamenti dell’uomo che, particolarmente sadico, la minacciava e torturava di continuo. I maltrattamenti erano aumentati già prima che la donna partorisse la loro bambina. Ieri sera l’epilogo: l’uomo ha portato la ragazza in un bar a bere e, nel fare la strada del ritorno, ha perso il controllo della macchina finendo fuoristrada. A quel punto la ragazza è uscita dall’auto ed è fuggita a piedi, fino a raggiungere il locale dove era stata col convivente solo qualche minuto prima. Il peruviano, invece, è ritornato a casa, ha preso la figlia di soli 16 mesi e ha raggiunto la donna al locale. Li l’ha minacciata di nuovo e le ha ordinato di ritornare a casa altrimenti non le avrebbe fatto più vedere la bambina. La chiamata al 112 ha permesso ai Carabinieri di intervenire sul posto e bloccare l’uomo che, in forte stato di agitazione e sotto i fumi dell’alcol, li ha aggrediti prima di essere bloccato. L’uomo, che ha già precedenti specifici ai danni della prima moglie, è stato associato al carcere di Civitavecchia.