Archivi tag: Medaglia d’Oro al Valor Militare

Giurano gli allievi Carabinieri del 129mo corso: in 198 ricevono gli alamari.

ROMA 20 Aprile 2012 – Questa mattina, in Roma, all’interno della caserma “Orlando De Tommaso”, sede della Legione AllieviCarabinieri, hanno avuto luogo le cerimonie di giuramento solenne e conferimento degli alamari ai 198 Allievi Carabinieri frequentatori, presso la Scuola Allievi Carabinieri di Roma, del 129° corso formativo intitolato al “Carabiniere Giuseppe Plado Mosca, Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria”. Nella circostanza è stata altresì celebrata la “Giornata delle Medaglie d’Oro al Valor Militare”. All’evento ha partecipato il Vice Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Clemente Gasparri e il Comandante della Legione Allievi Carabinieri, Generale di Brigata Enzo Bernardini, nonché varie autorità e i familiari degli Allievi Carabinieri.

La Legione Allievi Carabinieri, che nel 2011 ha celebrato il 150° anniversario della sua costituzione, è l’Istituto di formazione più antico dell’Arma dei Carabinieri e trae le sue origini dal Deposito di Reclutamento fondato nel 1822.

Forse non tutti sanno che la Legione Allievi Carabinieri non ha una propria Bandiera di Istituto, tipica degli Enti addestrativi militari, in quanto da 118 anni ha l’onore di custodire la Bandiera di Guerra dell’Arma dei Carabinieri.

La Legione Allievi ha formato tutti i Carabinieri che, nella duplice veste di soldati e di tutori della legge, hanno servito la Patria, in pace ed in guerra, nel territorio nazionale e all’estero, talvolta sino all’estremo sacrificio, come avvenuto, la notte tra l’8 e il 9 settembre 1943, a Roma, presso il ponte della Magliana, dove, nei combattimenti per la difesa della Capitale contro soverchianti forze tedesche, caddero numerosi giovani Allievi Carabinieri ed il loro Comandante, il Capitano Orlando De Tommaso, cui è stata intitolata la sede della Legione. Questa vicenda, tra le tante che hanno visto protagonisti i Carabinieri, come la deportazione in Germania, il mattino del 7 ottobre del 1943, di oltre 2.000 Carabinieri in servizio a Roma che vennero fatti radunare anche presso la caserma della Legione Allievi, merita di essere ricordata perché emblematica del legame che lega l’Arma alla città eterna, il cui gonfalone, decorato di Medaglia d’Oro al Valor Militare, ha partecipato alla cerimonia presso la Legione AllieviCarabinieri.

Annunci

L’Arma festeggia oggi la “Virgo Fidelis”, Patrona di tutti i Carabinieri.

ROMA 21 Novembre 2011 – Nella mattinata, presso la Legione Allievi Carabinieri di Roma, si è svolta la Santa Messa in onore della “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Arma, celebrata dall’Ordinario Militare S.E. Mons. Vincenzo Pelvi, alla presenza del Comandante Generale dell’Arma Leonardo Gallitelli, dei Vertici dell’Istituzione, di rappresentanti dell’Associazione Nazionale Carabinieri, dell’Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri (ONAOMAC), degli organismi di rappresentanza militare, nonché di numerosi Carabinieri dei vari gradi in servizio presso i reparti della Capitale.

Il rito religioso di Roma è stato preceduto dalla commemorazione dell’anniversario della “Battaglia di Culqualber” con la deposizione di una corona di alloro presso il “Sacrario” del Museo Storico dell’Arma, in Piazza Risorgimento, da parte del Generale Gallitelli.

La celebrazione della “Virgo Fidelis” risale al 1949, quando Sua Santità Pio XII proclamò ufficialmente Maria “Virgo Fidelis Patrona dei Carabinieri”, fissandone la ricorrenza al 21 novembre: data in cui la Cristianità celebra la festa liturgica della Presentazione di Maria Vergine al tempio ed anniversario della “Battaglia di Culqualber”.

Il 21 novembre del 1941, infatti, ebbe luogo una delle più cruente battaglie in terra d’Africa, nella quale un intero Battaglione di Carabinieri si sacrificò nella strenua difesa, protrattasi per tre mesi, del caposaldo di Culqualber. Alla Bandiera dell’Arma dei Carabinieri fu conferita, per quel fatto d’arme, la seconda Medaglia d’Oro al Valor Militare, dopo quella ottenuta in occasione della partecipazione alla Prima Guerra Mondiale.

Con la “Virgo Fidelis” l’Arma celebra anche la “Giornata dell’Orfano”, istituita nel 1996, che rappresenta per i Carabinieri e per l’ONAOMAC un concreto momento di vicinanza alle famiglie dei colleghi scomparsi.

Nel corso della cerimonia, tenutasi nel pomeriggio presso la Scuola Ufficiali di Roma, sono state conferite 4 croci di Cavaliere dell’O.M.R.I. (Ordine al merito della Repubblica Italiana) a familiari e sostenitori dell’ONAOMAC, tra cui la Sig.ra Sabrina Cavallaro Brancato e la Sig.ra Margherita Coletta Caruso, vedove del S.Ten. Giovanni Cavallaro e del Brig. Giuseppe Coletta, entrambi caduti nel tragico attentato di Nassiriya.

Premi e borse di studio sono stati poi consegnati agli orfani maggiormente distintisi nell’impegno scolastico. L’attività assistenziale che l’Opera realizza in favore degli orfani è resa possibile prevalentemente da contributi volontari mensili elargiti dai militari di ogni grado e ciò costituisce motivo di vanto e orgoglio per l’Arma, perché è testimonianza concreta del legame ideale che unisce l’Istituzione alle famiglie dei colleghi meno fortunati.

 

www.carabinieri.it

L'Arma festeggia oggi la "Virgo Fidelis", Patrona di tutti i Carabinieri.

ROMA 21 Novembre 2011 – Nella mattinata, presso la Legione Allievi Carabinieri di Roma, si è svolta la Santa Messa in onore della “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Arma, celebrata dall’Ordinario Militare S.E. Mons. Vincenzo Pelvi, alla presenza del Comandante Generale dell’Arma Leonardo Gallitelli, dei Vertici dell’Istituzione, di rappresentanti dell’Associazione Nazionale Carabinieri, dell’Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri (ONAOMAC), degli organismi di rappresentanza militare, nonché di numerosi Carabinieri dei vari gradi in servizio presso i reparti della Capitale.

Il rito religioso di Roma è stato preceduto dalla commemorazione dell’anniversario della “Battaglia di Culqualber” con la deposizione di una corona di alloro presso il “Sacrario” del Museo Storico dell’Arma, in Piazza Risorgimento, da parte del Generale Gallitelli.

La celebrazione della “Virgo Fidelis” risale al 1949, quando Sua Santità Pio XII proclamò ufficialmente Maria “Virgo Fidelis Patrona dei Carabinieri”, fissandone la ricorrenza al 21 novembre: data in cui la Cristianità celebra la festa liturgica della Presentazione di Maria Vergine al tempio ed anniversario della “Battaglia di Culqualber”.

Il 21 novembre del 1941, infatti, ebbe luogo una delle più cruente battaglie in terra d’Africa, nella quale un intero Battaglione di Carabinieri si sacrificò nella strenua difesa, protrattasi per tre mesi, del caposaldo di Culqualber. Alla Bandiera dell’Arma dei Carabinieri fu conferita, per quel fatto d’arme, la seconda Medaglia d’Oro al Valor Militare, dopo quella ottenuta in occasione della partecipazione alla Prima Guerra Mondiale.

Con la “Virgo Fidelis” l’Arma celebra anche la “Giornata dell’Orfano”, istituita nel 1996, che rappresenta per i Carabinieri e per l’ONAOMAC un concreto momento di vicinanza alle famiglie dei colleghi scomparsi.

Nel corso della cerimonia, tenutasi nel pomeriggio presso la Scuola Ufficiali di Roma, sono state conferite 4 croci di Cavaliere dell’O.M.R.I. (Ordine al merito della Repubblica Italiana) a familiari e sostenitori dell’ONAOMAC, tra cui la Sig.ra Sabrina Cavallaro Brancato e la Sig.ra Margherita Coletta Caruso, vedove del S.Ten. Giovanni Cavallaro e del Brig. Giuseppe Coletta, entrambi caduti nel tragico attentato di Nassiriya.

Premi e borse di studio sono stati poi consegnati agli orfani maggiormente distintisi nell’impegno scolastico. L’attività assistenziale che l’Opera realizza in favore degli orfani è resa possibile prevalentemente da contributi volontari mensili elargiti dai militari di ogni grado e ciò costituisce motivo di vanto e orgoglio per l’Arma, perché è testimonianza concreta del legame ideale che unisce l’Istituzione alle famiglie dei colleghi meno fortunati.

 

www.carabinieri.it