Archivi tag: Napoli

Roma: sgominata banda di trafficanti d'arte

ROMA 23 Dicembre 2009 – A conclusione di una lunga attività d’indagine, durata circa due anni, finalizzata alla repressione del riciclaggio di opere d’arte rubate nei comuni di Roma, Palermo, Viterbo e Napoli, i Carabinieri della Stazione Roma Porta Cavalleggeri, in collaborazione con i militari del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Napoli, hanno denunciato 7 persone, responsabili dei reati di riciclaggio, ricettazione aggravata e continuata. I 7 denunciati, quasi tutti commercianti di origine campana di età compresa tra i 43 ed i 77 anni, residenti nel viterbese, avevano costituito una radicata organizzazione dedita al traffico di opere d’arte di provenienza furtiva. Tra di essi c’è anche un’antiquaria ed un rigattiere, entrambi pregiudicati. L’indagine, coordinata dal Tribunale di Roma, ha consentito ai Carabinieri di sequestrare numerose opere d’arte risultate rubate, tra cui un portale in marmo policromo trafugato a Napoli dalla chiesa di Sant’Aniello a Caponapoli, 10 lastre in marmo policromo, opere di importanti scultori napoletani, alcune delle quali rubate dalla chiesa di Gesù e Maria di Napoli, dalla chiesa di San Giovanni Battista delle Monache sempre a Napoli e dalla chiesa di Santa Maria del Carmine ad Aversa, tutte opere risalenti al XVIII secolo.
Sono stati recuperati, inoltre, un paliotto in marmo policromo con croce centrale asportato dalla chiesa di Santa Maria delle Grazie a Caponapoli di Napoli e 2 sculture in marmo bianco che ornavano la chiesa di San Celso a Pozzuoli. Il prosieguo delle indagini ha consentito di acquisire altri elementi di prova che attesterebbero il coinvolgimento di 2 dei sette denunciati, tra cui figura in primo piano la donna, nella ricettazione di altre opere d’arte non ancora rinvenute ma già individuate in Francia e negli Stati Uniti. Il valore dei beni recuperati ammonta a più di 100.000 euro e sono stati affidati in custodia giudiziaria presso il seminario arcivescovile di Napoli.  Durante le operazioni sono state rinvenute altre opere d’arte di minor pregio e sulle quali sono ancora in corso le perizie volte a dedurne la provenienza.

Roma: sgominata banda di trafficanti d’arte

ROMA 23 Dicembre 2009 – A conclusione di una lunga attività d’indagine, durata circa due anni, finalizzata alla repressione del riciclaggio di opere d’arte rubate nei comuni di Roma, Palermo, Viterbo e Napoli, i Carabinieri della Stazione Roma Porta Cavalleggeri, in collaborazione con i militari del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Napoli, hanno denunciato 7 persone, responsabili dei reati di riciclaggio, ricettazione aggravata e continuata. I 7 denunciati, quasi tutti commercianti di origine campana di età compresa tra i 43 ed i 77 anni, residenti nel viterbese, avevano costituito una radicata organizzazione dedita al traffico di opere d’arte di provenienza furtiva. Tra di essi c’è anche un’antiquaria ed un rigattiere, entrambi pregiudicati. L’indagine, coordinata dal Tribunale di Roma, ha consentito ai Carabinieri di sequestrare numerose opere d’arte risultate rubate, tra cui un portale in marmo policromo trafugato a Napoli dalla chiesa di Sant’Aniello a Caponapoli, 10 lastre in marmo policromo, opere di importanti scultori napoletani, alcune delle quali rubate dalla chiesa di Gesù e Maria di Napoli, dalla chiesa di San Giovanni Battista delle Monache sempre a Napoli e dalla chiesa di Santa Maria del Carmine ad Aversa, tutte opere risalenti al XVIII secolo.
Sono stati recuperati, inoltre, un paliotto in marmo policromo con croce centrale asportato dalla chiesa di Santa Maria delle Grazie a Caponapoli di Napoli e 2 sculture in marmo bianco che ornavano la chiesa di San Celso a Pozzuoli. Il prosieguo delle indagini ha consentito di acquisire altri elementi di prova che attesterebbero il coinvolgimento di 2 dei sette denunciati, tra cui figura in primo piano la donna, nella ricettazione di altre opere d’arte non ancora rinvenute ma già individuate in Francia e negli Stati Uniti. Il valore dei beni recuperati ammonta a più di 100.000 euro e sono stati affidati in custodia giudiziaria presso il seminario arcivescovile di Napoli.  Durante le operazioni sono state rinvenute altre opere d’arte di minor pregio e sulle quali sono ancora in corso le perizie volte a dedurne la provenienza.

Operazione antidroga: Carabinieri arrestano 65 persone

CATANZARO 18 Dicembre 2009 – Vasta operazione antidroga dei Carabinieri nelle citta’ di Catanzaro, Napoli, Catania, Reggio Calabria e Cosenza, dove i militari del Comando provinciale di Catanzaro hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare a carico di 55 persone. Le accuse sono di associazione a delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanza stupefacente, in particolare cocaina ed eroina. All’operazione, denominata ‘Pony Express’, hanno partecipato 400 carabinieri, un elicottero e da unita’ cinofile antidroga. I reati contestati sono stati documentati dal settembre 2007 a oggi. Gli investigatori hanno scoperto tre gruppi criminali che gestivano e organizzavano un rilevante traffico di sostanze stupefacenti nel comune di Catanzaro e nei centri limitrofi, rifornendosi dalla piazza napoletana e catanese. Nel corso dell’indagine sono stati sequestrati circa quattro kg di eroina suddivisa in migliaia di dosi pronte allo spaccio. Il nome dell’operazione trae origine dal modus operandi dei gruppi che avevano impiantato un vero e proprio servizio di corriere (proprio come i Pony express) tra Napoli, il capoluogo calabrese e Catania. Gli arrestati sono stati portati nelle case circondariali di Catanzaro Siano, Vibo Valentia, Crotone e di Castrovillari.