Archivi tag: Operation Sophia

Operation SOPHIA: signed the agreement on Libyan Coast Guard and Navy Training

“The Memorandum Of Understanding signed today, is another key step towards the beginning of the cooperation with the Libyan Coast Guard and Navy”.

Operation SOPHIAWith these words Rear Admiral (Upper Half) Enrico Credendino, EUNAVFOR MED Operation Commander, welcomed today 23 August 2016, the Memorandum of Understanding on the training of the Libyan Coast Guard and Navy with the Libyan representative.

The agreement was signed this morning by the Operation Commander and Commodore Abdalh Toumia, Commander of Libyan Coastguard and Port Security in the EUNAVFOR MED Headquarters in Rome.

Since the Council decision of 18 May 2015, operation SOPHIA is contributing to the EU efforts to disrupt the business model of human smuggling and trafficking networks in the Southern Central Mediterranean, undertaking systematic efforts to identify, capture and dispose of vessels and assets used, or suspected of being used, by smugglers and traffickers. The Council of the European Union, last 20 June 2016, extended EUNAVFOR MED’s mandate until 27 July 2017 and added two supporting tasks: the capacity building and training of the Libyan Coastguard and Navy and the contribution to the implementation of the UN arms embargo on the high seas off the coast of Libya. With today’s signature, EUNAVFOR MED and the Libyan Coast Guard and Navy representative, agreed on the programme meant to conduct, in coordination with other EU agencies and other international actors, all needed training activities.

The capacity building will be divided in three main packages: training at sea, ashore (in EU Member States training facilities, or in Libya) and on board Libyan Coast Guard and Navy Patrol Boats.

“The three packages that have been developed together with the Libyan counterparts will improve the security of the Libyan territorial waters, including the capacity of the Libyan Coast Guard and Navy to perform law enforcement actions in order to tackle the criminal organisations that take advantage of smuggling and trafficking in human beings. As a consequence, this will contribute to prevent further loss at sea,” stated Rear Admiral Credendino.

EUNAVFOR MED operation SOPHIA’s core mission is to disrupt the business model of human traffickers and smugglers, no less, saving life at sea is both a moral and international law obligation. Thus far, in fact, following EUNAVFOR MED operation Sophia’s activities, 84-suspected smugglers and traffickers have been prosecuted by the Italian authorities and 255 boats have been prevented from being re-used by smugglers. Nonetheless, more than 21.958 lives were saved at sea.

Courtesy http://www.eeas.europa.eu/

 

//platform.twitter.com/widgets.js

Libia. Le Nazioni Unite impongono l’embargo delle armi.

Resolution 2292 / 2016 - photo ONUIn uno sforzo per attuare l’embargo sulle armi imposto alla Libia, oggi (ndr. 14.06.2016) il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha autorizzato gli Stati membri, agendo a livello nazionale o tramite organizzazioni regionali, di ispezionare le navi in alto mare al largo della costa della Libia ritenute d’essere in violazione dell’embargo.

All’unanimità adottando la risoluzione 2292 (2016) ai sensi del capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite, il Consiglio di 15 membri ha condannato il flusso di armi e di materiale connesso in Libia, tra cui per Stato islamico in Iraq e il Levante (ISIL / Da’esh) e altri gruppi terroristici nel paese. Ha esortato gli Stati membri a combattere, con tutti i mezzi, le minacce alla pace internazionale e alla sicurezza causate da atti terroristici.

Il Consiglio ha autorizzato gli Stati membri a utilizzare tutte le misure per realizzare tali ispezioni senza inutili ritardi o interferenze con l’esercizio della libera navigazione, e di sequestrare e smaltire il materiale sequestrato senza danneggiare l’ambiente marino o la sicurezza della navigazione.

Gli Stati membri che effettuano le ispezioni devono prontamente presentare una relazione scritta iniziale al Commissione 1970 istituita per supervisionare le sanzioni contro la Libia, spiegando i motivi e i risultati delle ispezioni e descrivendo gli sforzi per cercare il consenso dello Stato di bandiera della nave. Un successivo rapporto deve inoltre fornire particolari non previsti in quello iniziale.

Il Consiglio ha inoltre chiesto che il Segretario generale di fornire, entro 30 giorni, un rapporto sulla minaccia rappresentata dai combattenti terroristi stranieri reclutati o che hanno già aderito ad  ISIL, Al-Qaeda e gruppi associati, in Libia e nei paesi vicini, tra cui quelli fuori costa.

Federica Mogherini at Security CouncilL’adozione da parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite della risoluzione 2292 permetterà ad “Operazione Sophia” di svolgere “un ruolo importante anche nell’attuazione dell’embargo sulle armi dell’Onu sulla Libia”. E’ quanto osserva l’Alto rappresentante dell’Unione europea per la politica estera, Federica Mogherini, ricordando che “Operazione Sophia” è stata in prima linea nella risposta dell’Europa alla crisi dei rifugiati e dei migranti nel Mediterraneo. “Dall’inizio del suo mandato, un anno fa – ha osservato Mogherini – Operazione Sophia ha contribuito a salvare oltre 15 mila vite umane e a catturare 71 contrabbandieri sospettati”. Il capo della diplomazia Ue ha anche ricordato che i ministri dell’Unione hanno recentemente deciso di estendere il mandato della missione per la formazione della guardia costiera libica e per l’attuazione dell’embargo sulle armi, in attesa della risoluzione del Consiglio di sicurezza. “La risoluzione – ha osservato Mogherini – riflette il sostegno unanime della comunità internazionale al lavoro dell’Ue per far sì che il Mediterraneo sia un luogo più sicuro per tutti, soprattutto per i libici.

“Viste le circostanze eccezionali si decide di autorizzare per un periodo di 12 mesi dall’adozione della risoluzione gli stati membri (a livello nazionale o attraverso organizzazioni regionali) a ispezionare le navi nelle acque internazionali al largo delle coste libiche su cui si hanno fondati motivi di ritenere che stiano trasportando armi in violazione dell’embargo”.

Questo è quanto scritto nella risoluzione approvata il 14 giugno 2016, in cui si torna a sottolineare con forza la necessità che le autorità del governo unitario promuovano la stabilizzazione della Libia “come passo cruciale per affrontare la situazione politica, di sicurezza, umanitaria, economica e istituzionale allo scopo di fronteggiare la minaccia del terrorismo”.