Archivi tag: parata militare

Roma: fermate 17 persone durante la parata del 2 giugno

ROMA 02 Giugno 2010 – Nel corso dei normali servizi di prevenzione attuati gia’ dalle prime ore della mattinata dalla Questura di Roma al fine di garantire il regolare svolgimento delle celebrazioni del 2 giugno e’ stato rinvenuto, ben occultato, all’interno dei giardini di Piazza San Marco parte di uno striscione con una frase incompleta contro gli israeliani.
Poco dopo sempre nell’area dei predetti giardini , sono stati individuati alcuni noti appartenenti alla sinistra antagonista e ai centri sociali con volantini e una bandiera della Palestina.
I suddetti, nel numero di 17 persone, sono stati accompagnati presso il vicino Commissariato di Polizia Trevi Campo Marzio, e dopo gli accertamenti di rito saranno rilasciati.
Sull’episodio sara’ inoltrata informativa all’Autorità Giudiziaria.

Festa della Repubblica: la fierezza di essere Italiani

di Antonella Serafini


Festa della Repubblica “La Repubblica e le sue Forze Armate” è stato il tema della parata di oggi, con la sfilata in via dei Fori Imperiali a Roma. Una sfilata per omaggiare la nostra Repubblica e il suo Presidente, ma anche tutti corpi armati, militari e civili che, con il proprio impegno quotidiano hanno contribuito a dare un’immagine dell’Italia improntata alla solidarietà, al sacrificio e al dovere. Ottanta minuti di parata, in cui hanno sfilato 233 bandiere e medaglieri, quasi 6000 militari, 430 civili, 210 quadrupedi, 262 mezzi e 9 velivoli, per manifestare l’imponenza e la possenza di una quantità infinita di forze coordinate tra loro, tra mezzi ausiliari, di rappresentanza e nuclei operativi. Un anniversario importante, il 2 giugno, per ricordare che 64 anni fa, il popolo italiano scelse di vivere in una Repubblica democratica. La storia ha preteso sacrifici impensabili, vite spezzate, battaglie di diritti e doveri, che hanno portato infine a una democrazia che fin dal risorgimento è stata agognata ma mai avuta, di fatto, prima di quel fatidico 2 giugno. Le forze armate sono state le coprotagoniste della giornata di oggi, per aver dimostrato di servire il Paese attraverso eventi tragici e difficili, sempre con impegno e rigore. Nonostante le polemiche scaturite tra la vera natura dei nostri contingenti all’estero (per motivi di pace o di guerra è ancora motivo di polemiche) non bisogna dimenticare mai che ci sono militari pronti a perdere la vita per rappresentare la nostra bandiera, sia in missioni umanitarie come Haiti, sia in missioni di ripristino di pace, come accade nei teatri di guerra. A tutti i corpi speciali va quindi un pensiero riconoscente e commosso, per quelli che ci sono ancora e per quelli che non ci sono più. Le nostre squadre militari nazionali e internazionali, e gli operatori di sicurezza, sono ormai l’espressione migliore dell’unità nazionale, rappresentando un Paese che spesso è messo in discussione ma che riesce a tenere la testa alta e la schiena dritta anche di fronte alle calamità più disastrose, naturali economiche e catastrofiche. Si è sentito, durante la durata della sfilata, un clima di fierezza e orgoglio nazionale, che sono le qualità che fanno dell’Italia un grande Paese, troppo chiacchierato per cose stupide, molto apprezzato per la praticità e la competenza dimostrata in ogni occasione.

Galleria Fotografica