Archivi tag: Piemonte

Ardesis Festival 2012: valori come energia per un futuro giovane ed educazione all’imprenditorialità

ARDESIS FESTIVAL 2012. EUROPEAN ENTERPRISE DAY 2012 

I valori come energia per un futuro giovane: educazione all’imprenditorialità 

Workshop. I giovani come interpreti e ambasciatori dell’identità culturale. Le IDENTITÀ DEL TERRITORIO come design per un sistema di sviluppo culturale e economico nella provincia di Brescia 

ROMA, mercoledì 28 novembre 2012 ore 9,30. PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI, via Nazionale 

Premessa. Elementi di grande innovazione caratterizzano la nona edizione del programma “Il Filo di Arianna: Arte come identità culturale” che, con un percorso creativo e operativo formato da step, si propone di rendere tangibili le modalità per trasformare le idee in occupazione, crescita e progresso sociale, costruendo il mosaico di riferimento come un manuale per il giovane imprenditore.

Punto di partenza è il simbolo, l’identificazione del proprio territorio, intesa come l’insieme dei saperi umanistici e scientifici che – attraverso una serie di immagini – costituiscono le basi della conoscenza: da qui le idee, le intuizioni prendono forma creativa e si confrontano con l’innovazione crescente supportata dalle nuove tecnologie e dalle professionalità che via via si richiedono. Inserirsi nell’artigianato o nelle industrie culturali e creative sia come professionista che come imprenditore, richiede una spinta interiore ed una costanza che solo “i valori” possono sostenere.

E per iniziare ad identificare i valori, possiamo guardare al nostro passato, il Rinascimento, un periodo di “rinascita”, di fermento culturale, storico, politico, religioso, filosofico, scientifico e artistico di grande interesse. Qui troviamo una delle caratteristiche dell’imprenditore: la fiducia in se stesso, la spinta propulsiva racchiusa nel detto latino “homo faber fortunae suae”. 

Riepiloghiamo i vari aspetti alla base del “modello” sperimentale e riproducibile che l’Associazione scientifica I.C.S. International Communication Society in collaborazione con la Fondazione Cardinale Cusano onlus, Istituzioni e Enti pubblici e privati, europei, nazionali e locali, intende costruire utilizzando tutti gli apporti creativi dei giovani studenti supportati dai docenti che hanno partecipato dal 2004 ai progetti annuali del programma “Il Filo di Arianna”: un filo ininterrotto di ricerche, studio, idee e realizzazioni si è snodato annualmente dal mondo della scuola per arrivare alla valutazione di esperti dei vari settori che hanno premiato i lavori migliori, portandoli a conoscenza in Italia e in Europa.

In questo processo manca ancora l’anello che permetta di sviluppare nel modo migliore le conoscenze acquisite dai giovani e renderle proficue nel mondo del lavoro sia dipendente che autonomo: l’acquisizione delle leggi del mercato del lavoro e delle professioni che presuppone le conoscenze dell’economia e del marketing, non in modo astratto, ma “tarate” sui settori di interesse e di predisposizione dei giovani stessi

Da qui le linee e le modalità per i corsi di educazione all’imprenditorialità nelle scuole superiori, con una sperimentazione in Lombardia, Piemonte e Lazio, per quelle classi di giovani che hanno partecipato ai bandi di concorso nei settori del turismo e dell’arte design innovation. Potranno così aggiungere nel proprio “portfolio” nozioni di economia e marketing sia per la costituzione di una microimpresa – come ipotizzato dalla Small Business Act europea recepita in Italia – oppure inserirsi nella vita con le conoscenze oggi indispensabili e con la fiducia che “ognuno può essere imprenditore di se stesso”.

Per l’avanzamento del programma, abbiamo bisogno di quella che viene definita a livello europeo “Alleanza delle conoscenzee precisamente dell’apporto conoscitivo o operativo o economico che ogni ente o istituzione può dare. 

Nell’evento di Roma, l’on.le Federico Mollicone, Presidente della Commissione Cultura, Sport e Politiche Giovanili e il Presidente delle Biblioteche di Roma, Francesco Antonelli apriranno l’incontro come alleanza delle conoscenze del territorio per lo sviluppo dei progetti per il 2013 che si concreteranno nei corsi di educazione all’imprenditorialità nelle scuole superiori, presentati dalla prof.ssa Augusta Busico, giornalista e consulente della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il giornalista Gino Falleri coordinerà la Tavola Rotonda per un MANUALE DEL GIOVANE IMPRENDITORE: trasformare le idee in occupazione, crescita e progresso sociale. Interverranno: Mons. Giangiulio Radivo, giornalista di Radio Vaticana, presidente della Fondazione Cardinale Cusano onlus sui Valori dell’Arte e della Scienza per l’imprenditorialità; Lorenzo Canova, storico e critico d’Arte, Simona Carosi della Soprintendenza Beni archeologici dell’Emilia Romagna; Sergio Guarino, curatore dei Musei Capitolini, la giornalista Angela Padrone, con “Testimonianze di imprenditrici”, Armando Finocchi per il settore Civiltà contadina, Davide Peluzzi sui Valori della Montagna e Roberto Madrigali, meteorologo “Il clima ed i suoi effetti come identità dei prodotti del suolo”.

Gli interventi sulle IDENTITA’ DEL TERRITORIO COME DESIGN PER UN SISTEMA DI SVILUPPO CULTURALE E ECONOMICO DEL LAZIO proseguono con la presentazione dei nuovi bandi per il 2013, da parte dei docenti Giulio Toffoli e Cosimo Quaranta. Un momento di valutazione e di riconoscimento delle eccellenze è costituito dalla premiazione delle scuole e degli studenti che hanno lavorato sui temi proposti nel 2011/2012. Anche il light lunch, con i prodotti tipici delle aziende dei territori colpiti dal terremoto, è una valorizzazione del Made in Italy e poi…una meraviglia degna delle tradizioni gastronomiche del Rinascimento da ammirare e gustare: l’ARDESIS Cake Design, le torte monumentali che si richiamano ai simboli del territorio con le dolci decorazioni…per valorizzare l’imprenditorialità di giovani e donne, presentate da Giuseppe Pensabene, manager dell’AICD, Associazione Italiana Cake Designers e premiate dalla Sig.ra Rossana Palombini. 

Poi la visita alla mostra “Sulla via della Seta”. 

Eventi ante: 9 novembre a Milano; 10 novembre a Salò, 13 novembre a Torino. 

Per la partecipazione è possibile prenotarsi inviando un fax o una email a: Ufficio Stampa: Associazione I.C.S. International Communication Society. Tel. 0670453308; 335376186, fax 0677206257; email: icsociety@tin.it

 

 

 

 

Nuovi campioni di parapendio in Piemonte, Friuli e Veneto.

MALCESINE 13 Agosto 2012 – I campioni italiani di parapendio 2012 sono Marco Littamè, pilota torinese e
membro della squadra nazionale, Nicole Fedele, 28 anni, di Gemona del Friuli
(Udine) e Damiano Zanocco di Thiene (Vicenza).
Littamè, al quale evidentemente gli anni pari portano bene visto che fu già
campione nel 2008 e 2010, subentra al concittadino Davide Cassetta, fermo
quest’anno al secondo posto, davanti al trentino Christian Biasi, mentre
Nicole Fedele sostituisce Gabriella Corradi di Bassano (Vicenza), davanti
alla milanese Silvia Buzzi Ferraris ed all’alto atesina Heidi Insam. Nella
classifica sport, riservata ai piloti equipaggiati con vele meno
competitive, la classifica annota ai primi posti due piloti della Repubblica
Ceca, Petr Chromec e Petr Kostrhun, seguiti da Zanocco che si aggiudica il
titolo. La presenza di piloti stranieri era garantita dalla formula open
della competizione; se ne sono presentati anche da Francia, Grecia, Ucraina,
Romania e Giappone.
Teatro della competizione, organizzata dall’Aero Club Montegrappa che per lo
più ha vinto il titolo 2012 come associazione, la pedemontana trevigiana e
vicentina con centro operativo ed atterraggio ufficiale in località Semonzo
a Borso del Grappa (Treviso). Le buone condizioni del tempo hanno permesso
la disputa di cinque delle sei prove previste con percorsi compresi tra i 70
ed i 107 chilometri. Dai decolli di Cima Grappa, o di Rubbio (Vicenza), i
110 partecipanti hanno aggirato obbligatoriamente dei punti prefissati,
comunemente detti boe, disseminati nella Marca Trevigiana o in territorio
vicentino, come il Col Serrai, le valli del Pasubio, Cima Marana, sorvolando
Asolo, Possagno, Crespano, Ca’ Dolfin, i castelli di Marostica e Piovene,
Lusiana sull’altopiano dei Sette Comuni, Mussolente, Schio, Recoaro, prima
di raggiungere gli atterraggi di Semonzo o della Conca Verde.
La settimana di voli è stata validamente integrata da una serie di
rinfreschi, cene, feste all’aperto, spritz e pizza party offerte dai
numerosi sponsors dell’evento ed apprezzate da pubblico, piloti ed
accompagnatori.

A Malcesine sulla sponda veronese del Lago di Garda ci si prepara ad
ospitare per il 26 agosto Adrenalina 2012, la tradizionale manifestazione
acrobatica di volo libero.
L’associazione Paragliding Malcesine aggancia l’appuntamento al 50°
anniversario della innovativa funivia che raggiunge il Monte Baldo, dove da
un vasto pendio a 1730 di quota e davanti ad un maestoso panorama
decolleranno i piloti. Dopo un volo di circa 1700 metri, dovranno centrare
un bersaglio sul prato dell’atterraggio in Località Morettine, due
chilometri a nord di Malcesine, oppure sulla zattera posta in acqua di
fronte all’atterraggio stesso. Si prevede un’affluenza di circa 50
appassionati, mentre tutti colori che vorranno godersi questo spettacolo
troveranno anche attività collaterali, come giochi gonfiabili per bambini,
bar, musica e stand gastronomici.

Catania: operazione antidroga in 5 regioni, 83 arresti

CATANIA 14 Gennaio 2010 – Vasta operazione antidroga della polizia di Stato in cinque regioni italiane. Oltre 400 agenti, con l’ausilio di reparti cinofili ed elicotteri, eseguono ordini di carcerazione per 84 indagati tra la Sicilia, la Campania, l’Emilia Romagna, il Piemonte e il Veneto. Il blitz fa seguito alle indagini della squadra mobile della Questura di Catania che hanno permesso di sgominare tre diverse organizzazioni criminali tra loro rivali che gestivano un esteso traffico di sostanze stupefacenti.
I provvedimenti restrittivi sono tre e sono stati emessi da altrettanti Gip etnei, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia della Procura della Repubblica di Catania. Sono complessivamente 83 gli ordini di carcerazione emessi dai tre Gip di Catania (Caruso, Mirabella e D’Arrigo) per traffico di droga. Per undici di loro sono stati disposti gli arresti domiciliari. Ad un 84/o indagato e’ stato imposto l’obbligo di firma.

Tra le citta’ interessate dall’operazione, oltre Catania, ci sono Napoli, Venezia, Caserta, Forli’, Ferrara e Biella, Secondo quanto emerso dalle indagini della squadra mobile della questura del capoluogo etneo, le tre presunte organizzazioni agivano separatamente e in concorrenza tra loro. Avrebbero avuto anche legami con esponenti della criminalita’ organizzata e in particolare con affiliati del clan Cappello, della cosca dei Cursoti milanesi presenti nel rione Lineri di Catania e della ‘famiglia’ Santapaola.
Durante l’operazione, coordinata dalla Dda della procura di Catania, e denominata Ouverture, sono stati eseguiti anche sequestri preventivi di beni patrimoniali, compresa una villa privata del capoluogo etneo e diverse auto.
Le bande si rifornivano nel rione Secondigliano di Napoli.