Archivi tag: Tripoli

Libia. Ferma condanna dell’Unione Europea per l’escalation di violenza a Tripoli

TUNISI 22 Settembre 2018 – La delegazione dell’UE (con temporanea sede a Tunisi) e i capimissione dell’UE in Libia hanno espresso una ferma condanna per l’ultima escalation di violenza a Tripoli che ha causato vittime civili, feriti e sfollati e la distruzione di infrastrutture critiche. Il deliberato targeting di civili è una violazione del diritto internazionale umanitario.

“La delegazione dell’UE e i capimissione dell’UE in Libia sostengono il lavoro di SRSG Salamé e UNSMIL per alleviare le sofferenze del popolo libico – si legge nel comunicato di oggi – e tutti gli attori devono rispettare il cessate il fuoco concordato e attuare tutte le misure di sicurezza necessarie nell’interesse del popolo libico. La soluzione alla crisi libica rimane politica, non militare. Tutti i responsabili della violazione del cessate il fuoco o della violenza di rifornimento dovranno affrontare le conseguenze”.

“I decreti sulla sicurezza recentemente emanati dal Consiglio della Presidenza creano le condizioni per riformare il settore della sicurezza e porre fine alle attività predatorie dei gruppi armati. L’UE e i suoi Stati membri sollecitano tutti gli attori, in particolare i leader politici, tribali e sociali, a cogliere questa opportunità per un cambiamento reale e pacifico nella capitale e altrove nel paese, e lavorare insieme per migliorare la vita di tutti i libici”.

L’UE e i suoi Stati membri stanno mobilitando i mezzi per rispondere alla situazione umanitaria e ai bisogni più urgenti.

Libia. Razzi su Mitiga. Atterraggi dirottati da Tripoli a Misurata.

Da un paio d’ore  in alcune aree di Tripoli si stanno verificando tumulti ed alcuni razzi sono stati lanciati ad Abu Salim e nei dintorni dell’aeroporto di Mitiga.

Fonti locali riportano sommosse anche sulla Wali Al-Ahad Road, la strada che da Tripoli porta all’aeroporto ed anche i voli provenienti dalla città di Alessandria d’Egitto verso Mitiga sono stati dirottati su l’aeroporto di Misurata per un atterraggio più sicuro.

 

In un tweet, Abdulwahab Elmeshkhi‏, addetto alle operazioni di volo della Libyan Airlines, conferma la chiusura dell’aeroporto a causa di un missile che ha colpito tra la pista d’atterraggio e quella di rullaggio.

Un sedicente nuovo gruppo sembra essere spuntato nella galassia tumultuosa della Libia. Si chiama “The youth movement of Tripoli” ed ha dichiarato sul loro profilo Facebook di essere responsabile dell’attacco di questa notte all’aeroporto di Mitiga con un missile. “Non ci fermeremo finché l’aeroporto non sarà consegnato”, si legge in un post delle 2.30 am del 12 settembre.

Questi “ragazzi di Tripoli”, come essi stessi si definiscono, affermano di voler liberare l’aeroporto di Mitiga dalle milizie.

Il lancio del missile è stato preceduto da avvertimenti al comando aeroportuale affinché evacuasse il personale.

 

Alle 3.00 am ora italiana tutti i vettori erano stati spostati da Mitiga a Misurata. Numerose le fonti locali che stanno seguendo con apprensione la vicenda. Si legge in numerosi tweet: “Ci auguriamo che da domani tutto possa tornare alla normalità e che dio ci benedica”.

 

 

La foto di questa news è stata ripresa da Facebook.

Libia. Massima allerta a Tripoli dopo l’attacco alla sede del NOC. Attacco ad Hassouna.

Massima allerta a Tripoli dopo l’attacco al quartier generale del NOC e la sua rivendicazione da parte di Daesh.

Il Governo di unità della Libia appoggiato dalle Nazioni Unite ha messo i suoi servizi di sicurezza in massima allerta nei siti sensibili di Tripoli dopo l’ attacco alla sede centrale della National Oil Corporation di ieri mattina.

La sicurezza è stata portata ai massimi livelli in tutti i siti sensibili di Tripoli, comprese le ambasciate e le missioni diplomatiche nella capitale.

Il Governo di Accordo Nazionale sta monitorando da vicino la situazione della sicurezza a Tripoli e dintorni, come dichiarato da un comunicato stampa dello stesso sulla sua pagina Facebook.

 

Dopo l’attacco di lunedì alla sede del NOC, le forze di sicurezza hanno ora riguadagnato il “controllo completo” del NOC, secondo quanto riferito dal Ministro dell’Interno Abdul Salam Ashour.

 

Daesh aveva anche rivendicato un attacco contro gli uffici della commissione nazionale elettorale della Libia nella capitale Tripoli, avvenuto lo scorso maggio.

 

Frattanto, sulla base di informazioni pubblicate dal New York Times, la C.I.A. è pronta a condurre attacchi segreti di droni contro al Qaeda e gli insorti dello Stato islamico da una base aerea recentemente ampliata nel Sahara e spostando gli aerei nel nord-est del Niger per dare la caccia ai militanti islamici nel sud della Libia.

 

Di poco fa la notizia di una sparatoria presso l’impianto idrico di Hassouna, come riferito dai responsabili del Great Man Made River Project che hanno denunciato che “una delle squadre operative e di manutenzione è stata oggetto di un attacco armato che ha causato ilm danneggiamento di un trasformatore di potenza ma nessun ferito.

In Libia è iniziata la guerra dell’acqua?

 

 

 

Photo Courtesy GNA Media Facebook Page